Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 1.1875

Seite: 156
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1875/0165
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
156

archeologia e belle arti

Iscrizione della tavola sinistra.
(fttesta multami t alata pth fm\t jet* i 110-
UH ar umrasi §01111110 glioma ti §Ma~
mena a <$>mw, ti tantoiuiuis jlaittiuae jrra
uno lenuta facto fa t\m\xh\\x fitta fpttHa ma-
stra (|atmliera Jjerosuttmitaua frate <f Itamasu
marta tu ilatla.
Data del rrittico 1403 (1503).
Iscrizione della tavola destra.
(|amatutata jter la reuemuìissiiua tjrautk mae-
stra tu latta tau plte i}trit 9mU tu defw-
stane fai la fette rattorto il quale rata tu
la dieta nattaujia ijtx mtdtyttvt la pfa m~
iìwìiax tori altri malti OJatialieri tht resta-
rotta con moltissima fruttare fa la Itomu-
tlisstma lUIiajutte tori tuta grandissima tiittarta,
toro jgranttissiiua lianate
(1) È noto come i cavalieri di S. Giovanni, condotti nel 1310 dal loro
gran mastro Fosco di Villaret, e fattisi padroni dell'isola di Rodi, ab-
biano sostenuti poi varii assedi contro gli Ottomani; e come Maometto II
avesse posto assedio a Rodi nel 1480, e non ostante l'immensa ed insolita
forza di artiglierie adoprata contr'essa, non gli venisse fatto di prenderla.
Egli è senza dubbio questo il fatto d'arme cui allude l'iscrizione,
poiché ognuno sa come l'ultimo assedio, ed il più memorabile di Rodi
sia stato nel giugno del 1522 con capitolazione ad onorevoli patti; e
passaggio dei cavalieri di Rodi all'ordine di Malta: e definitivo possesso
dell'isola preso dai Turchi, e tuttora conservato.
loading ...