Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 2.1878

Seite: 13
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1878/0015
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
ATTI DELLA SOCIETÀ

»3

a Citium (Kt'noi), di un vaso a forma di barile d) tro-
vato a Dades (Aà&g axpa), e di un altro picciol vaso a
vernice rossa c) trovato a Curium (K.ovpiov). Fra i vetri
di Salamina amiamo segnalare
uno /) dei cinque esemplari (le
differenze sono leggerissime), per
la ragione che di consimili ne
sono stati scoperti pochi anni or
sono negli scavi di Torino, ed
uno ci è ora venuto dai sepolcri
di Carrù. Il che osservammo al-
tra volta per le tazze della fab-
brica di Ennione, i di cui prodotti
erano stati trovati in abbondanza
a Cipro, non che in alcune re-
gioni dell'Italia superiore.

All'egregio donatore furono indirizzate parole di rin-
graziamento vivissime. E grata si dimostrò
la Società verso il collega cav. V. Promis
pel dono di un esemplare in gesso del co-
nosciuto dittico consolare in avorio (porta
la data del 406 dell'era volgare), che si
conserva nell'Archivio episcopale di Aosta (1).

In quest'anno la Società perde due de' suoi membri fon-
datori. Nella seduta del 10 maggio le prime parole dei soci
intervenuti furono indirizzate alla memoria del conte Carlo

(1) Fu pubblicato ed illustrato dall'abate C. Gazzera nelle Meni,
della R. Accademia delle Sciente, ser. I, voi. XXXVIII, 225 segg., e da
Ed. Aubert nella Revue archéol. nv. ser. V, 161 segg. (1862). La iscri-
zione leggesi nel Corpus Inscr. latinar. voi. V, pars 2a {Inscr. Galliac
Cisalp., pars post. n. 6836).
loading ...