Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 2.1878

Seite: 145
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1878/0152
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
ARTISTI SUBALPINI IN ROMA

145

Io Honofrio Honofri di Oruieto etc.
Io Ansuino Conti etc. » (1)..

E di questo stuccatore deve essere la seguente partita:
« 3 x.bre 1563 a mro Jacomo Genovese stuccatore scudi 43
boi. 30 per pagamento di tanto lavoro di stucco fatto da lui
sopra li primi archi da basso del cantone nuovo in Belve-
dere, cioè per hauer stuccato l'architrave freggio et zuoccolo
long. pai. 290 alt. p. 10 a ragione di giuli 15 la canna » (2).

A di 18 8.bre 1575 Giacomo Cassilli stuccatore romano
promise di non offendere Bramante Borozzi o Morozzi
stuccatore, dando per sicurtà Domenico Bassini genovese
falegname. Ed a sua volta Girolamo fu Santino di Ver-
celli stuccatore padre del Bramante diede sicurtà che suo
figlio non offenderebbe il Cassilli. Queste promesse ave-
vano luogo avanti il governatore di Roma (3).

Forse irrequieto ne pagò poi il fio, giacche a dì 13 giugno
1577 fu ammazzato da un incognito, con una stoccata al cuore,
mentre stava di sera sulla soglia della sua casa a godersi il
fresco, come espose al tribunale suo fratello Quintilio.

Dalla visita del cadavere risulta che aveva trent'anni, e
che il padre era allora già morto (4).

Orefici, Intagliatori.

Un Andrea di Giorgio Desideti orefice novarese d'anni 31
a dì 2 gennaio 1536 era chiamato qual testimonio avanti
il governatore di Roma. Egli nel mese di Maggio 1527,
allorché ebbe luogo il tremendo sacco, fu presente quando

(1) Miscellanea artistica. Stuccatori, fol. 1.

(2) Giornale del Computista pelle fabbriche Giacinto Barotio 1560-5,
fol. 94.

(3) Libar fideiussionum 1575-6, fol. 84.

(4) Liber visitationum notariorum 1577, fol. 185.

10 - II.
loading ...