Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 3.1880

Seite: 61
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1880/0065
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
dell'antica città d'industria

61

rato sino al fondo, dappoiché ad un certo punto, sprofon-
datosi ii terreno o richiusa la canna, fosse stato ingoiato e
perduto uno dei lavoranti.

Trattavasi in quel tempo, cioè nel 1835, di aprire la strada
che da Gassino tra le colline e il Po adduce a Casale; e
poiché doveva tagliare il piano stesso d'Industria, era pro-
pizia la occasione per trarne profitto alla investigazione di
oggetti di antichità. Il cav. Saluzzo, l'abate Gazzera e l'in-
gegnere Jano sul finire del 1834 avevano visitato il luogo
dell'antica città: considerandone le rovine, erano punti dal
desiderio, che « si scavassero i terreni nell'area della mede-
sima, e che, diretti opportunamente gli scavi, s'investigasse
con accuratezza se qualche prezioso monumento tuttavia
vi fosse sepolto, siccome ben pare che vorrebbe essere, non
riuscendo mai infruttuosi gli scavi che si praticano senz'or-
dine, e talvolta senza determinati scopi, dai proprietari dei
terreni medesimi (1)». A tale effetto lo Jano, confidando
nei lavori della nuova strada, proponeva inoltre « che si
prendesse ad escavare il suolo della strada, quale non fu
finora sottoposto a tale operazione »; epperciò con la spe-
ranza di buona riuscita, accennando specialmente ad un
campo ch'era del fu conte Mazzetti, sito di fronte alla loca-
lità investigata dal conte di Lavriano. Nel marzo del 1835
si vagheggiava la speranza d'incominciare gli scavi, ma non
si faceva assegnamento sui lavori stradali; imperocché alcune
difficoltà sarebbero derivate dalle condizioni inserite nel
capitolato di appalto; ed inoltre dovendosi tenere più elevata
la strada dal piano dei terreni laterali, nessuno scavo avrebbe
luogo lungo la superficie disegnata: convenire piuttosto pra-
ticare escavazioni regolari prima che le operazioni della via
provinciale fossero incominciate.

(1) Lettera dell'ing. Jano al cav. Saluzzo del 3 gennaio 1835, loc. cit.
loading ...