Archivio storico dell'arte — 2.Ser. 3.1897

Page: 418
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1897/0454
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
418

GUSTAV M'invi*;

rono alla decorazione delle loro scuole. Ciò devo provenire dalla circostanza che in quei
tempi dello splendore dell'arte era cosa naturale nò faceva bisogno di commenti ; d'altronde
allora la posizione sociale dei pittori non era si alta come ai tempi nostri, e, per esempio,
i maestri immortali sedevano uniti e concordi fra di altri confratelli e semplici garzoni od
artigiani della scuola dei pittori.

11 testo delle Mariegole, oltre alla decorazione delle scuole per sentimento religioso, ri-

LA MORTE DELLA VERGINE, DI V. CARPACCIO

(Fotografia V. Angerer, Vienna)

guarda la sepoltura, la celebrazione di messe per morti, cerimoniali, assistenze dei poveri
e l'amministrazione delle finanze.

Colla caduta del potere bizantino i Veneziani aveano occupato varie piazze forti del-
l'Albania, con la quale tenevano relazioni commerciali, specialmente per legnami e lane. 1

Ai 22 ottobre 1442 venne fondata a San Severo la scuola degli Albanesi e nel 1447
trasportata a San Maurizio, ponendola sotto la protezione di Santa Maria Tergine, di San Gallo
e San Maurizio.

1 V. Molano, Saggio delli commerciali rapporti di Venezia colle ottomane Scale di Durazzo e Albania.
loading ...