L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 13.1910

Page: 345
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1910/0389
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
GLI AFFRESCHI DI SANTA MARIA DI VEZZO!ANO

34 5

Oddone della detta famiglia, con ogni probabilità ritratti nei quattro devoti adoranti la

Sacra Famiglia.1

Datati cosi gli affreschi di Vezzolano intorno al 1354, dobbiamo ritenere di avere in
essi un saggio dell’arte locale, o non piuttosto il ricordo del passaggio di un pittore del-
l’Italia centrale ? Chi è convinto che l’arte non si sia svolta nel Piemonte che in gran ritardo
rispetto a quella delle altre regioni d’Italia, sarà senza dubbio incline ad attenersi alla seconda

big- 12— forino, Chiesa San Domenico
Affresco, Sant’Andrea.

ipotesi, convalidandola con l’osservazione che uno dei soggetti principali svolti negli affreschi,
il Contrasto dei tre morti con i tre vivi, non estraneo alla letteratura italiana dei secoli XII-XIV,2 è
abbastanza comune nella contemporanea produzione pittorica dell’Italia centrale. 5 Senonchè,
oltre al fatto che nello stesso chiostro di Vezzolano si trova una rappresentazione senza
dubbio anteriore del medesimo soggetto, si oppone alla detta ipotesi la trattazione stessa
del tema iconografico, diversa assai a Vezzolano da quelle dell’Italia centrale. In tutte queste

1 D’altra parte il Bosio (op. cit., pag. 34) ha pure
riconosciuto l’arma dei signori di Castelnuovo nello
stemma a liste trasversali bianche e rosse ripetuta-
mente rappresentato nelle fascie dei sott’archi del-
l’arcata.

2 Vigo, Le danze macabre m Italia, Bergamo, 190T,
pag. 82 ; E. Monaci, in Giornale di filologia romanza,
1878, I, pagg. 243-246.

5 Vedi retro a pag. 337, nota 2.

L’Arte. XIII, 44.
loading ...