L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 21.1918

Page: 228
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1918/0254
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
228

LODOVICO FRATI

« modi contingeret onerari; sed ut beneficium, quod
« ex inventarli confectione procedit, integraliter
« reservetur eidem t.

Precauzione che in maestro Iacopo forse deri-
vava dal dubbio che l'eredità lasciata da Nicolò
potesse essere piuttosto passiva che attiva. E a dir
vero, l'inventario non sembra giustificare l'opinione
espressa dal Malaguzzi-Valeri che Nicolò, o per
fortuna lasciatagli dal padre, o per guadagni nel-,
l'arte sua, vivesse nell'agiatezza.

La principale ricchezza del miniatore consisteva
in una casa che possedeva sotto la parrocchia di
S. Procolo, in via Mirasole, e in tre piccole posses-
sioni, la maggiore delle quali, di quaranta torna-
ture, era nel luogo detto: El bosco de san Zuliano;
un'a'ltra di due tornature circa era fuori di porta
san Mamolo, a Ronzano, la terza di sei tornature
alla Croara, nel luogo detto Ceredo.

L'inventario dei beni mobili non rivela alcuna
agiatezza, e non merita neppure di essere pubbli-
cato integralmente. Ne darò solo alcuni estratti:

Una cultra a lecto facta ad insignia seu figuri? liliorum.
Item duo linthiamina a lecto de lino.

Item unam culcidram a lecto de panno lini et pennis an-
serum.

Item unam lecticam de assidibus cum una bancha.
Item unum capizale de pennis anserum cum duabus en-
denis.

Item unam aliam leticam parvam de assidibus.
Item tria vasa de viminibus vetera, quo. alias vocantur
corbes ab uva.

Item unam palam a furirento.
Item unam cistam de viminibus.
Item duas alias ab aqua.

Item unam tabulam Ugneam a mensa cum duobus paribus
trpodum.

Item unam baneham de ligno scarnita longitudinis octo
pedum.

Item duos discos de ligno.

Item unam capsam de ligno.

Item unam sparturam pio pane faciendo.

Item unam cultram a lecto quasi nova, ad insignia, sive
figura liliorum.

Item unam culcidram de pennis anserum habentem en-
deniam de panno pignolato virigata.

Item unum capizale de pennis et pignolato variegato.
Item duo cervicalia, sive aurieria.

Item unum lenzolum quasi novum de quatuor telis de
panolini.

Item unam leticam de assidibus cum celo superiori.

Item unum capsonem de ligno.

Item unam baneham.

Item unum coffinum.

Item unam baneham scranatom.

Item unam scranam foratam.

Item unam tabulam a mensa cum duobus paribus tripodum.

Item duo ypopeigia, sive cavedonos de ferro ab igne.

Item duas cathenas ab igne.

Item unam bechacinerem ab. igne.

Item duas mollas ab igne.

Item unam palectam de ferro ab igne.

Tralascio altre snppelletili di poco conto e vasi
da cantina, con altri mobili d'uso domestico.

A quale famiglia bolognese sia appartenuto Ni-
colò di Giacomo non si sa. Solo nel Messale conte-
nuto nel codice latino Monacense n. 10072, scritto
da Bartolo de Bartoli il 22 febbraio 1374 e miniato
da Nicolò di Giacomo, secondo i compilatori del
catalogo 1 le 246 lettere iniziali e le miniature onde
va adorno sarebbero dovute a Nicolaus de Avan-
zati de Bonomìa. Dove abbiano pescato questo
nome i compilatori del catalogo non saprei; perchè
di una famiglia Avanzati non resta alcuna me-
moria in Bologna, ed il Valentinelli nella sua dili-
gentissima descrizione del Messale Monacense 2
non ne fa cenno. Egli trascrive la sottoscrizione
del codice che leggesi a c. 360: Correctum et re-
scriptum per me Bartholomeum de Bartkolis de Bo-
nonia. scriftorem MCCCLXXIIII Indictione XII
XXII februarii, e dice che due miniature sono sot
toscritte: nicolaus de bononia f.

Lodovico Frati.

1 Catalogus cndicum latinorum Bibliothecae Ti. Monacensis,
(Monaco, 1874, t. II, p. I, p. 130-131).

2 Giornale delle Biblioteche (Genova, anno III, 1869, n. 13).
loading ...