L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 25.1922

Page: 163
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1922/0189
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
ESPOSIZIONE DEI PRIMITIVI ITALIANI A BRUXELLES

163

pressione suprema di maestà, al Maestro della salga la fine Adorazione de' Magi nella raccolta

Santa Cecilia, identificandolo con Buonamico Bui- . Goldsehmidt-Przibram. Indubbiamente il fine gar-

falmacco. bato pittore educatosi alla scuola dell'Angelico,

A Lorenzo Monaco è attribuita una grande A11- fu attratto nella cerchia del Pesellino, di cui ri-

nunciazione a fondo oro, della collezione Stocklet, conia il parallelismo dominante hello schema com-

notevole opera di diretto seguace, elicagli spinosi, positivo, quale si vede nel Miracolo di Sant'An-

Fig. ,i — Anconetta del maestro della Santa Cecilia (?),
presso Adolphe Stocklet a Bruxelles.

multipli frastagli, alle uncinate curve, alle aguzze
forme del Maestro, alla rapida sinuosità dei con-
torni lineari, sostituisce una molle flessuosa ca-
denza di curve, pur dividendo, con rigidezza ignota
a Lorenzo, la Ime dall'ombra sul fianco dell'an-
gelo, cosi da determinare un legnoso spigolo della
fi Tina,

E non al Pesellino, cui è attribuito il quadro,
ma a uno scolaro del Beato Angelico mi sembra ri-

tonio nell'Accademia di Firenze e in un episodio
della vita di San Silvestro nella Galleria Boria a
Roma. Ma una superficie così ossea e un fondo così
minutamente ingraticciato di pagliuzze d'oro non
si trovano in altre opere del Pesellino, nè figure
così squadrate e studiatamente realistiche, come il
persi maggio in ginocchio dietro il più giovane re;
e se la disposizione raggiata di regolari pieghe è
frequente nei quadri peselliniani, non è mai in
loading ...