L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 27.1924

Page: 193
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1924/0219
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
SANDRO BOTTICELLI

193

Le vesti sparse sui gradi della scalinata, viventi ancora, nel loro lugubre affìosci-
mento, la febbre delle mani che le han lacerate, irte di aculei nei lembi frastagliati; un
fascio bieco di luce, che fende improvviso l'ombra dell'atrio, completano il quadro so-
brio di linee, ricco di sottintesi. La Primavera, la Nascita di Venere, ci avevan fatto
conoscere nel Botticelli il lirico polizianesco delle maggiolate fiorentine: la Derelitta,
è un dramma d'inanivata potenza nell'arte. La porta chiusa tra le mura grige, la donna

Fig. 3. — L:'Adorazione del Bambino di Sandro Botticelli
nella Galleria Nazionale di Scozia a Edimburgo.

velata dal nero casco dei capelli si circondano della stessa irresistibile suggestione di
mistero: i singhiozzi dell'abbandonata si levano disperati, risuonando nella cavità pro-
fonda del voltone, frangendosi contro la porta chiusa rigida muta che non si aprirà da-
vanti a lei mai più. E il grigio delle mura irruginite dal tempo, la freddezza delle rare
taglienti bici, il bianco avorio della tunica e il nero intenso funebre della capigliatura,
raccolgono la loro gamma triste dalla disperazione tragica di quel pianto senza ri-
sposta.

Un'altra bella opera di Sandro Botticelli, riconosciuta, quattordici anni or sono,
dal De Nicola, rimase dimenticata nella Galleria Pallavicini, accanto a quel capolavoro
del Maestro (fig. 2).
loading ...