L' arte: rivista di storia dell'arte medievale e moderna — 28.1925

Page: 153
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/arte1925/0181
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
UNA PREDELLA DEL PONTORMO

ATTRIBUITA AD ANDREA DEL SARTO NELLA GALLERIA DI DUBLINO

Nella Galleria di Dublino portano il nome di Andrea del Sarto le sette parti di pre-
della qui riprodotte (figure 1-7). Tre santi inginocchiati a destra, tre a sinistra della
Pietà adorano.1 In tal modo i quadretti si legano in unità.

Le piccole pitture sono condotte non con la sprezzatura e con la velocità frequenti
nelle predelle, ma'con uno studio, con un'attenta cura, che potrebbero farci dubitare

Fig. 1. — Pontormo: Particolare di predella.
Dublino, Galleria.

del nome che portano, anche se un altro nome non ci si offrisse con certezza perfetta
subitamente, prima che si abbia tempo di considerare i prò e i contra dell'attribuzione ad
Andrea. Le affinità con la maniera sartiana, evidenti specialmente in alcuni santi inginoc-
chiati, non offuscano qualità spirituali e stilistiche che fanno del Pontormo il pittore
più distinto tra i fiorentini della prima metà del Cinquecento. T santi Girolamo, Pie-
tro e Domenico sono i più vicini ad Andrea, per il rilassamento e l'abbandono delle loro
persone, in accordo con la dolcezza della maniera sfumata: essi stanno « in posa», mentre
i santi Lorenzo e Francesco hanno i nervi tesi, atteggiamenti che non potrebbero rimanere
immutati un minuto di più e manifestano l'ansia e i tormenti dello spirito del Pontormo

1 La parte centrale e le due laterali con San Pie-
tro e Sant'Apollonia furono acquistate nel 1864,
le altre l'anno seguente, a Roma. Altre due, con
santi inginocchiati, nel 1867 erano possedute dal
conte di Warwick.

Tutta la predella viene da Perugia, dove appar-
teneva alla famiglia Manichini [Catalogne descript-
ive and historical of the Works of art in the National
Gallery of Ireland, edited by George F. Mulvany,
Dublin, Alex. Thom, 1867, pag. 95).

L'Arte. XXVIII, 20.
loading ...