Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 2.1878

Seite: 91
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1878/0096
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
1 MARMI SCRITTI DI TORINO E SUBURBIO

91

PARTE I
LE CHIESE DI TORINO

i.

S. AGOSTINO

Chiesa, che col titolo dei Ss. Giacomo e Filippo esisteva
già nel secolo XIV, come dalla visita fatta dal vescovo Gio-
vanni dei signori di Rivalta. Intorno al 1550 fu assegnata agli
agostiniani scalzi, che la rifecero e denominarono di S. Ago-
stino. Nell'antica circoscrizione parrocchiale avevano stanza,
o scelsero essa chiesa per loro sepolcro, le famiglie Dalpozzo,
Tesauro, Sola, Pingone, Cacherano, Arcour, Lucerna, Fri-
chigno'no, Ceveris, Gastaldi, Nicolis, Provana, Lobetti, Pa-
nealbo, Due, Falcombello, Beraudi e Tournon.

Un'iscrizione ora scomparsa, ma fortuitamente incollata
nel libro de' nati, e scritta dall'abate cassinese, Valeriano
Castiglioni, istoriografo di Savoia, ci offre la storia di sua
fondazione.

Templvm hoc
in

Secvsinae portae svbvrbio extrvctvm olim
Div. Christophoro dicatvm
Bello postea dirvtvm
Intra vrbem svb Divis Iacobo Maiore et Avgvstino
Parochialis Ecclesiae hvivs titvlaribvs
Translatvm

Patrisqve Bartholomei Falcombelli Avilianensis
Avgvstinianae congregationis observantiae l.ombardiae
Vicarii generalis ope et opera
Vna cvm religiosorvm coenobio
loading ...