Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 2.1878

Seite: 349
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1878/0372
Lizenz: Freier Zugang - alle Rechte vorbehalten Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
I MARMI SCRITTI

DI

TORINO E SUBURBIO

DAI BASSI TEMPI ALLA METÀ DEL SECOLO XVIII

(Continuazione; vedi pag. 87-109)

VI

CAPPUCCINE

Non col titolo di Vergine del suffragio a cui era dedicata,
ma sì con quello delle Cappuccine, onde il popolo soleva
denominarla, io accennerò qui a questa chiesa, or distrutta,
e che s'innalzava nella casa d'angolo delle vie Alfieri ed
Arsenale, oggidì proprietà della famiglia Nigra.

Se si deve prestar fede ad un'epigrafe di cui infra, essa
venne edificata nell'anno 1624 da Carlo Emanuele I, ad
istanza delle sue figlie, le infanti Maria, Catterina e Mar-
gherita duchessa di Modena.

Qui però vuoisi osservare, che se la data dell'anno 1624
accenna alla fondazione di quel monastero, 0 ne fu sospesa
la edificazione, o si trattava di altro, poiché ritrovo che an-
cora il 30 gennaio del 1630 le cappuccine dal povero mona-
stero raccomandavansi ad Anna Maria Vugliengo, consorte
del benemerito presidente delle finanze, Lelio Cauda, af-
finchè, tanto lei quanto il marito, col mezzo delle infanti,
loading ...