Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 3.1880

Seite: 37
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1880/0041
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
dell'antica città d'industria

37

le fosse recato ostacolo in tali ricerche, ma le fosse data
l'assistenza necessaria anche per parte di questo publico, e
prestata tutta la mano per la custodia di quelle cose, che
fosse riuscito rinvenirsi. Il predetto sig. curato don Novarese
principiò l'opera suddetta in detto anno nel sito ed adia-
cenze dell'antica chiesa rovinata di S. Giovanni di Lustria,
avendo scoperto un aquedotto fiancheggiato e coperto in
volta di buona muraglia per lo più formato di pianelloni,
parte ancor in essere e parte rovinato, d'altezza piedi cinque
e larghezza tre circa, dimostrante la qualità e situazione
d'esser lungamente estensivo per questa pianura da notte
verso mezzogiorno in profondità dal terreno al piantamento
d'esso condotto d'un trabocco circa, non stato per altro dal
predetto sig. Novarese proseguito sopra ed intorno d'esso lo
scoprimento ed escavazione per essersi portato con tali opere
ad un pozzo nella possessione di un particolare ed in diversi
altri siti ivi contigui, senza che per .quanto sia a mia notizia
le sia riuscito di rinvenire cos'alcuna se non materiali ».

Anche le speranze del curato di Cocconito andarono pre-
stamente dileguate. Egli s'era fitto in capo, e se n'era ripro-
messo, di raccogliere buon dato di oggetti antichi; epperciò
da un punto all'altro andava tentando colla zappa il terreno,
e geloso che altri si mettessero in simigliami ricerche, a se e
al suo nipote Giorgio Antonio Faldella procacciava il privi-
legio degli scavi. Continua il Bracco nella sua relazione: « In

qua poi trasmesse secondo gli ordini che loro verranno significati.
Eseguisco il reale comando, e con sincera osservanza mi dichiaro —
di V. S. molto ili.— Torino li 18 aprile 1763 — dev. servitore Mazé.—
{fuori) sig. Podestà di Monteu del Po n.

In calce della lettera il Bracco annotò : « Consegnata dal sig. curato
Novarese li 24 maggio 1763 in mani del vice Podestà e segr. Bracco.
— Riferita in pien Conseglio al contronotato effetto congregato li 26
maggio 1763 per me vice-podestà Bracco per mancanza del signor
Podestà ».
loading ...