Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 3.1880

Seite: 41
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1880/0045
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
dell'antica città, d'industria

41

con spese di non leggiera conseguenza, potendosi benissimo
attesa l'ampiezza de'siti memorati di dette antiche rovine
in questo territorio assegnarsene per dette ricerche parte
agli uni e parte agli altri determinatamente, e potersi far
dagli uni esclusivamente agli altri le escavazioni, le quali
essendo che riporterebbero notabile danno alli particolari
sì per li seminati, come anche per le piante delle viti ed
alberi, che in essi campi esistono, sarebbe dovuta alli me-
desimi la condecente ed equitativa indennizzazione a giudi-
cato di periti imparziali da eleggersi da chi verrebbe, munito
con qualche autorità, deputato a sovrintendere e conoscere
sopra tali opere, anche ne' casi di doglianza di qualche par-
ticolare, ed a cui gl'inventori fossero obbligati a consegnare
le robe che si trovassero, e fosse anche nel grado di rife-
rire. Il già detto Giuseppe Antonio Nazaro essendo che dal
suo primo cognoscimento ha sempre insieme al fu Bernar-
dino di lui padre travagliato nell'escavazioni e ricerche quasi
in tutte le parti di detti siti, però a salti, potrebbe moral-
mente avere fra le altre persone più accertata cognizione
d'essi, ove con più probabile fondamento e speranza si
dovrebbero attuare le medesime ricerche, e così destinare
ed assegnare al medesimo una parte, ed al sig. curato No-
varese, che ha anche avuto buone cognizioni in tal riguardo
dal fu suo sig. padre, oltre altre che possi avere di suo
marte, in altra, essendovi situazioni pel suddetto oggetto
quartierate, nelle quali possono impiegarsi tutti senza che
gli uni rechino incommodo agli altri ».

A quella diligente relazione, lodata dal Mazè con lettera
del 29 aprile 1764, tenevano dietro altre disposizioni del regio
Governo (5 giugno) sulla convenienza di mettere d'accordo il
Novarese, il Faldella e il Nazaro nella continuazione degli
scavi; e in questo il Bracco si adoperò a tutt'uomo, vincendo
la resistenza del Novarese, e piegando il Nazaro a conten-
loading ...