Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 3.1880

Seite: 63
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1880/0067
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
dell'antica città d'industria

63

« 10. Un ago di metallo a cucire lung. 0,15.

« 11. Idem, idem colla testa esagonale, lung. 0,06.

» 12. Ago di metallo colla testa rotonda, lung. 0,04 '/,.

« 13. Una chiave di ferro, lung. 0,07.

« 14. Piccola testa di metallo, rappresentante un antico milite.
« 15. Un anello di metallo, diametro 0,05
« 16. Cavallo di metallo, lung. 0,05.

« 17. Pezzo di metallo, che serviva di ornamento a qualche

istromento, lung. 0,05.
« 18. Una cornice di metallo, lung. 0,29, larg. 0,03.
« 19. Altra idem, lung. 0,21, larg. 0,01 '/,.
« 20. Pezzo di metallo, peso oncie 10.
« 21 Frantumi di metallo, libbre 8.
« 22. Idem di piombo, lib. 22.
« 23. Idem di ferro, lib. 34.

« Oltre a 17 monete di metallo e tre d'argento , un busto
ed una piccola testa di metallo, che non furono messe in
registro ».

Non erano codeste le sole antichità scoperte in quel giro
di tempo, probabilmente per opera dell' ingegnere Jano ;
poiché il giorno 17 gennaio 1837 al direttore del Museo
giungeva un involto (accompagnato con lettera del primo
Segretario di Stato per gli affari interni), che conteneva i
seguenti oggetti « tutti trovati negli scavi d'Industria ».
« 1. Novantanove monete romane di rame imperiali e co-
muni, ed una coll'anima intonacata d'argento, di
Augusto col rovescio C. e L. Cesari.
« 2. Quattordici piccoli oggetti di metallo, un piccolo cervo,
quattro anelli, un piccolo cucchiaio, un ago, una
chiave, tre frammenti di una lamina rettangolare
con appendicela, nella qual lamina sono due linee
d'iscrizione in caratteri romani F A BRI FRATRES
|Tav. IX n. 26] ».
loading ...