Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 4.1883

Seite: 9
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1883/0015
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
ATTI DELLA SOCIETÀ

(1880-1882)

Alle scoperte che la Società nostra compieva nell'anno 1879
a Palazzolo Vercellese altre se ne aggiunsero nei tre anni
successivi (1880-1882) a Corbiglia, a Fontanetto e a Santa
Maria presso Crescemmo. Queste ultime, aiutate dalla Dire-
zione Generale delle Antichità e Belle Arti, diedero copia di
monumenti, che furono ammirate nella quarta Esposizione
Nazionale di Belle Arti (1) : trattavasi sempre di estese ne-
cropoli, le cui tombe ci avevano conservato i ricordi di una
età lontana nelle suppellettili venute alla luce, che si compo-
nevano delle solite stoviglie di terra, oli specchi di bronzo,
di braccialetti e di vasi di vetro, alcuni dei quali pregevo-
lissimi per la forma e per i colori. Tutti questi oggetti en-
trarono nel Museo Torinese di Antichità, assieme ad altri
monumenti scoperti di fresco nelle provincie piemontesi ed
acquistati coi fondi che al Museo stesso largisce annual-
mente il Consorzio Universitario. E desiderio nostro, che
poco per volta abbiano ad essere pubblicati ed illustrati nei
seguenti volumi, come in questo, che s'inizia con la insigne
scoperta di Claudio Calandra nel sito dell'antica Testona.

Con tali ritrovamenti la storia antica delle regioni sub-
alpine si arricchisce di fatti nuovi, de' quali non si trova

(1) Catalogo degli oggetti componenti la mostra dell'Arte Antica,
pag. a8 (Torino 1880).
loading ...