Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 5.1887

Seite: 23
DOI Artikel: DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1887/0029
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
ATTI DELLA SOCIETÀ

23

Caselli. — Con nota del 25 maggio dello stesso Ministero
ritornava in campo la questione dei ristauri della Porta
Pretoria di Aosta, dappoiché la Commissione permanente
di Belle Arti avesse fatto voti « che il monumento fosse
rimesso come era innanzi all'incominciamento dei lavori».
Sulla proposta del relatore cav. Caselli si accoglieva il sug-
gerimento; ma facevasi osservare che per tale opera oc-
correva la presentazione di un nuovo progetto. — Intorno
alla dimanda del Ministero, relativa alla gradinata che dà
accesso al Duomo di Torino, variata di accordo dell'autorità
municipale e dell'avviso dell'arcivescovo, senza aver richiesto
il parere della Commissione conservatrice dei monumenti di
arte e di antichità, questa fa osservare che l'opera essendo
compiuta ogni deliberazione sarebbe ora superflua.
_ Dodicesima Seduta del 2g ottobre iSSj. — Dall'architetto
sig. Crescentino Caselli fu presentato il progetto di ristauro
del castello o palazzo Madama, adottato dalla Commissione;
il quale si riassume nelle seguenti proposte : i° eseguire al-
cune demolizioni parziali per scoprire le merlature e alcune
finestre del castello e delle sue torri, e conseguente rifaci-
mento della muratura ; 20 riattamento alla facciata del Juvara;
30 ricoprire con una tinta di color bruno tutte le strutture
moderne all'esterno, che nascondono una parte del castello,
le quali sono tutte cose aggiunte all'edificio senza nesso ar-
chitettonico col rimanente. — Il comm. Biscarra riferisce,
che in conformità del mandato ricevuto nella seduta del
18 dicembre 1882, presentò al sig. Ministro della Pubblica
Istruzione le centotre fotografie dei principali monumenti
che si conservano in Piemonte, eseguite maestrevolmente dai
signori Berrà ed Ecclesia. — Da ultimo il barone Claretta
esprime il desiderio, che al parroco della Novalesa si racco-
mandi la custodia del reliquiario di S. Edoardo, che è un
oggetto di arte prezioso, esistente in quella parrocchia.
loading ...