Atti della Società di Archeologia e Belle Arti per la Provincia di Torino — 7.1897

Page: 383
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/attisoctorino1897/0397
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
I

CRIPTA DI

LA

SANT'ANASTASIO

IN ASTI

Nel 1902, in una conferenza tenuta per cura della Società
di Archeologia e Belle Arti, feci una esposizione di parecchie
fotografie eseguite dall'avv. Secondo Pia, nella città di Asti.

Fra le opere d'arte che io aveva l'onore di far osservare,
eravi la riproduzione di una costruzione sotterranea, avanzo
di un'antica chiesa cristiana, sconosciuta ai molti storici
astigiani, che, disgraziatamente, era stata convertita in una
cantina.

Dopo aver fatto notare l'importanza archeologica ed ar-
tistica di questo edilìzio, io faceva voti che da quell'antico
luogo sacro, documento di storia dell'arte cristiana, avesse
da sparire quanto l'ingombrava e così sconciamente lo
deturpava.

Ora il mio voto è stato esaudito. L'Amministrazione mu-
nicipale di Asti,'convinta dell'importanza di quella costru-
zione, non solo ha fatto sgombrare quel locale, ma lo ha
reso in condizione tale da poter essere convenientemente
esaminato e studiato nei particolari.

Per opera del cav. Gabiani, capo dell'Ufficio d'Arte di
quella città, furono messe allo scoperto le basi delle colonne
che erano interamente sepolte e fu eseguito un accurato
rilievo dell'edilìzio.

Debbo alla gentilezza di sì esimio cultore della storia e
dell'architettura di Asti se, unitamente alla fotografia fatta
loading ...