Bullettino archeologico Napoletano — N.S.2.1853-1854

Page: 55
DOI issue: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ban1853_1854/0057
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
— 55 -

DONAE& Del resto non è per me altrimenti ancor
certo che il Pausilipo fosse propriamente di Mettia
Edone, e non piuttosto consecrato alla memoria di
Mettia Edone da alcuno dei suoi amici, o congiunti.

I nomi Agelenlinus, Sassulanus, Nundinesìs potreb-
bero ritenersi siccome patronimici aggiunti a nomi
ora perduti di persone native p. e. di Agclenlum, di
Sassula, di Nundinae, che ben possono essere stati
nomi di villaggi.

Garrucci.

Iscrizione Ialine, conlinuaz. dell'art, inserito a p. 39.

Altre iscrizioni puteolane mi vengono comunicate
dal eh. sig. Can. Scherillo.

4. C ■ IVL1VS • AMPHIO
FENESTRA • D

LUCILIO LUGtLIAE

PHILOCYRO • SYMPHER

LUCIMAE

ET • NA1NI • SE'VIVO D

ET PERPETUO

jaio Giulio Annone Feneslra diede il luogo da sep-
pellirsi a Filociro , Sinferusa, Naide, ancor vivo, e
diello ancora a Perpetuo. I tre primi ottennero la li-
bertà , e però aggiunsero il proprio nome, Perpetuo
venne aggiunto dipoi, e quindi vedesi scritto in ca-
rattere più piccolo.

5. DIS • MAI///

TIIESEO • ET SY/// sic
EXCOLLEGIOSALV/
FAM1LIAE VALER/

Guadagnasi un nuovo Collegio detto della Salute, o
Salutare, contrassegnato ancora dal nome della fami-
Uà Valeria, che lo aveva costituito. Un Collegium
Salu'are si nomina in un marmo di Coimbra ( Ord-
ii, 2415).

Il senso di exornare è spiegato anche nella bella
epigrafe Salernitana di T. Teltieno Felice, che legò

cinquantamila seslerzii ad exornandam aedem Pomo-
nis, dalla qual somma dicesi ivi: factum est fasligium
inauralum, podium, pavimenta marmorea, opus leclo-
rium ( v. le mie Illustrazioni di alcune iscr. aut. di
Salerno, Napoli, 1851, p. 17).

6. Pontius • ProserTVS • PAVLIXVS
Iun-V-C-ConchanvpoR FYRETICAM
nimia wTVSTATE
eollap SAM FON
ti restituii

Frammento puteolano, comunicatomi dalchiariss.
signor Fiorelli. Sospetto che sia Pontius Proserius
Paulinus Iunior V. C. il quale Concham p. e. porfy-
reticam veluslale collapsam fonti resliluit. Neil' altra
lapida pur puteolana questo Consolare della Cam-
pania dicesi reslauralor operum puUicorum Momm.
2508.

7. L FONTEIVS • FLAVIANVS

HARVSPEX • AVGG • CC
PONTIFEX • D1CTATOR
ALBAN • MAG • VNBLICVS
HARVSPICVM • ORDÌ
NI HARVSPICVM • LX DD

Il nostro Sirmondo die al Guthero la prima copia di
questa lapida e dal Guthero (L. I. de vel liàr. Póntif.
c, 3) la trasse il Reinesio, Romite A. 4G0'ò effossam (p.
360 Synl. XIII), ma non determinò il luogo ov'era.
Laonde mancando agi' interpreti il modo di assicurare
i loro dubbii, alcune correzioni eransi introdotte dal
Reinesio, altre adottale dal Maffei, allre suggerite
dall' Hagenbuck, altre dall' Orelli. Vuole per esenw

pio il Reinesio , che il CC si cambi in NN. Fuil in

saxo AVGG NN, idesl, Angustorum NN. V Orelli
invece approva , che il Maffei lo abbia omesso. Omit-
tit illud CC Reinesii et rùctc, puto : eleniìn orlum vi-
delur & AVGG ( Orelli, Iscr. Lai. 2293 ).

A dissipare tante incertezze è tornato a luce il bel
monumeulo, scoperto da me in villa Brenda , seb-
loading ...