Bullettino archeologico Napoletano — N.S.5.1856-1857

Page: 153
DOI issue: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ban1856_1857/0161
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
BALLETTINO ARCHEOLOGICO NAPOLITANO.

NUOVA SERIE
fe lla (20. dell'anno V.) Giugno 1857.

Dichiarazione delle pitture di un inedito vaso fittile greco del Museo latta—Monete di Laodicea della Frigia
rappresentanti simbolicamente i suoi due fiumi Lieo e Capro.—Terracotta antica rappresentante le Parche.—■
La morte di Egisto e la festa degli oscilla, in vaso dipinto.

Dichiarazione delle pitture di un inedito vaso fittile
greco del Musco Jalta.

Tre separali dipinti adornano l'importante ed ine-
dito vaso fili ile ritratto nella tavola XIII (1).

Gajo è il soggetto della pittura ebe alle altre so-
vrasta. Sotto una pergola, carica di pampani e di uva,
siede mollemente Bacco, tenendo il tirso ed un an-
sato bicchiere ( xoCvÉxpos ). Innanzi a lui sta un tinel-
lo, nel quale un Satiro, o Sileno che dirsi voglia , è
in alto di vuotare un'anfora ben grande ed ornala di
ederacea ghirlanda.

Presso all'indicato seguace di Bacco e»vi un in-
cerniere (&viuxrr\piov) che brucia le odorose gomme
postevi da un' alala e giovane donna. Colali profumi
di soave fragranza furono pròpriamente usali nel cullo
Julia dea del piacere (2), ed oflronsi qui ad un nume
eh' è sempre in festa e in gioco ; onde può credersi
personificala in quella muliebre figura la voluttà (r^ovy))
eh' ebbesi da effigiare con le ali perchè ralla s'in-
vola (3).

Nella estremità opposta del quadro si osserva l'irna-
gine di un altro Salirò che porla un corno potorio
(pròv) ed un ampio boccale ( <*rpdx°°S )•

Di mezzo a questo personaggio del Tiasoeda Bacco
vi ha una Menade, ai cui piedi sene sia accoscialo un

(1) Di questo grandioso cratere, che conservasi nel Museo Jalta
in Ruvo, m' è slato gentilmente trasmesso un disegno dallo egre-
gio D. Teodoro Avellino.

(2) Siffatto modo di venerare Afrodite, abbencbè primitivo (Em-
pedocle, v. 373, Karsten ), non andò mai in disuso, come rilevasi
da Pindaro ( presso Ateneo, p. 573. Casaub. ), da Virgilio (Eneide,
ì, 416—17), da Filostrato, Imag. II, [.

(3) Welcker negli Armai, dello Inst. Arch, IV, 383-4, e nelle
sue Pitt. di vai gr , 320 e seg.

A««0 Y.

cerviatto che ben si addice a dionisiaca scena (1). L'ac-
cesa fiaccola , sollevata con la destra da questa Tia-
de, è chiaro indizio che siffatti tripudj avessero luogo
di notte; ed il (impano, ch'ella sostiene con l'altra
mano, fu simbolo orgiastico, ed anche in certo modo
erotico (2).

A tanti segni bensì di volullà e di gioja fa singo-
lare contrasto quel cippo sul quale si appoggia la no-
stra Baccante, giacché non possiamo non riconoscervi
una stele sepolcrale, che ci ricorda aver servito que-
sto cralere a funebri riti ed essere slato riposto in
una tomba.

Abbassando da questo punto lo sguardo al princi-
pale dipinto, s'incontra di colpo una figura che as-
somigliasi perfetlamente a quella dianzi descritta; se
non che, invece di bacchici emblemi, ha in mano lo
specchio attributo proprio di Venere (3); la quale dal
sorreggersi che fa sopra un funereo cippo vien chia-
ramente caratlerizzala per ìirirv^ia, ch'è come dire
sovrimposta a sepolcro (4).

Nè in ciò solo consiste il parallelismo fra i due
quadri ; poiché alla imagine , nel superiore dipinto,
che si è riguardata come personificazione della volut-
tà, risponde in quest'allro la figura dell'amore.

(1) È risaputo che di pelle di cerviatto , grecamente detta ne-
bride , solessero rivestirsi le menadi, ed il loro nume , a cui è
perciò dato l'epiteto ve/3p/Sów-ssrXos noli' Antol. palat-, IX, 524,
14. Ed è qui a ricordare la ceremonia del Tfebrismo, ossia la Ve-
stizione della nebride che faceasi dagli iniziati ai misteri di Bac-
co. V. Arpocrazione, v. Ns/3pjayò?.

(2) V. Welcker, Pitt. di vas. gr., 321 (30).

(3) Ho avuto occasione di far parola di questo distintivo di Ve-
nere negli Amai, dello Inst. arch., XV, 25, (4).

(4) Di Afrodite epilimbia, equivalente alla Venere Libilina dei
Lpzìo, fa menzione Plutarco nelle Quist. Rom.

20
loading ...