Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma — 22.1894

Page: 254
DOI issue: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bcom1894/0277
License: Free access  - all rights reserved Use / Order

0.5
1 cm
facsimile
254

SuW origine dalla Cura tiberis

SULL'ORIGINE DELLA CURA TIBERIS

Il eh. prof. Cantarelli nell'ultimo fascicolo di questo BulleUino
a p. 40 seg. ha voluto dimostrare, che la cura Tiberis sia stata
istituita da Augusto, come dice Svetonio, Aug. 37, e che quindi
i curatores riparum qui primi lerminaverunt citati in molti
termini, si debbano attribuire al suo regno e non a quello di
Tiberio, come generalmente si crede. Aggiunge pure, che i primi
curatores debbono essere stati gli stessi consoli C. Asinio Gallo
e C. Asinio Censorino,- che fecer la terminazione nell' a. 746 ed
attribuisce quell'ufficio alla fine dell'a. 747 o al principio
del 748. Egli osserva che essi « essendo i primi nella serie
dogli ispettori del Tevere non avreb bero mancato ____ di indi-
care i loro nomi nei monumenti terminali, che ad essi si ri-
feriscono » e che « quindi il termine curatores deve riferirsi
esclusivamente ai due personaggi indicati nelle prime linee di
quelle lapidi » , vale a dire i consoli suddetti. Egli stesso però
accenna al fatto, che i primi curatore ristabilirono ai loro luoghi
anche i cippi posti da Augusto nel 747, nei quali, essendo la for-
mula la stessa, c' è appunto quella soluzione di continuità, che
vorrebbe evitare negli altri (').

(') Il cippo della terminazione augustea restituito dai primi curatores
ed edito nelle Notizie degli scavi 188G p. 273 e in questo BulleUino 1886
p. 368, dice precisamente così :

font i\«ce maximus
t r i b v n i potest. xvii
ex• s • c • ter\w inavit

cvratores • riparvm -^JMl primi

terjyvinavervnt • ÈV s. c- rest.

irnp. c a esar divi f.
a ug us tus
loading ...