Bullettino della Commissione Archeologica Comunale di Roma — 22.1894

Page: 359
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bcom1894/0392
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
Nuove osservazioni sulla origine della cura Tiberis

359

2° Periodo. Dal principio del 748 all'anno 15 d. Cr. L'ufficio,
del Tevere è ordinato su nuove basi ; vi sono preposti due con-
solari col titolo di curatori, e primi ad esercitarlo sono i due am-
ministratori provvisori dell'anno precedente.

3° Periodo. Dall'anno 15 all' anno 73. Sulla proposta dei
curatori Ateio Capitone e L. Arrunzio, Tiberio decreta una riforma
dell'amministrazione tiberina, affidandola d'allora in poi, con mag-
giori funzioni, ad un collegio di cinque senatori nominati a sorte
e presieduti da uno di essi di grado consolare.

4° Periodo. Dall'anno 73 a circa l'a. 101. Il quinquevirato
continua a sussistere; ma il solo nome del presidente del col-
legio figura, per regola, nei cippi terminali ; nel caso, però, che
ad alcune opere speciali sia preposto un curatore inferiore, nei
cippi è scritto non il nome del curatore primario, ma bensì quello
del curatore sovrintendente di quelle opere speciali.

5" Periodo. Dall'a. 101 a Costantino. All'amministrazione
del Tevere si aggiunge quella delle cloache, e il quinquevirato
è sostituito da un solo curatore di grado consolare, assistito da
due adiutores di grado equestre. — Dopo Costantino il curator
s'intitola anche consularis alvei Tiberis et cloacarum e al prin-
cipio del quinto secolo muta il suo titolo in quello di eomes ripa-
rum et alvei Tiberis et cloacarum.

Sono questi i resultati delle nostre ricerche ; una dimostra-
zione geometrica per i primi due periodi, non è assolutamente
possibile, ma non crediamo neppure di essere obbligati a darla,
perchè, nei problemi storici, la probabilità è quella a cui si deve
mirare, la certezza matematica, raramente, si ottiene.

L. Cantarelli.

28
loading ...