Bibièna, Giuseppe
Architetture, e Prospettive: Dedicate Alla Maestà Di Carlo Sesto Imperador De' Romani — Augustae, 1740 [Cicognara, 431] [VD18 13995278]

Page: 3
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bibiena1740/0010
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
EAUTORE

Alti PROFESSORI, ED AGLI AMASTI



[Into dalle reiterate persualive di molti, mi sono finalmente determinato a render
publica la presente mia Raccolta di Disegni, e di esporla con ciò all’ universal
giudicio, disposto a ricevere in grado quella correzione, che me ne sarà fatta non
solo dalli più esperti di me, ma eziandio da chi col giu sio naturai discernimento
! saprà scoprirvi alcun disetto. Però la discretezza di chi là quali, e quante siano le
^iliiÌB:rn'Tr I1'' -ri b ^ | Miimli
difficolta, lolite incontrarsi nel dare alla luce opere tali, mi fa sperare compatimento fe non di tutti,

almeno di buona parte di quegli errori, che potessero ritrovarvisi.
0
Per più ragioni ho stimato bene di dare a principio di ciascheduna parte li Catafalchi, fiati tutti
eretti sotto la per me sortunata, e vantaggiosissima Direzione di S. Eccel. il Sig. Conte Gundaccaro
d’Althan, Gonfaloniere, e Barone di Goldburgo, Signore de’ Dominj di Murjìetten, Haywigm, Freycn
Aumiìhl, e Zvmdendorf, Consigliere Intimo attuale di Stato, e di Guerra, e Cameriere dalla Chiave
d’ Oro di S. M. Ces. e R. Catt., Generale di Cavalleria, Colonnello di un Reggimento di Dragoni,
Governatore di Giavarino, e de’ Confini a quello incorporati, Direttor Generale di tutte le Fabbriche
sì Residenziali, che di Delizie dell’ istessà Ces. e R. Catt. M. S., siccome Supremo Iniettore della
Cesarea Publica Academia di Pittura, Scoltura, ed Architettura.

In alcuni di detti Catafalchi, cioè in quegli in Proiettiva nel punto di mezzo, ed in angolo, ho
per maggior copia fatta qualche variazione di adornamenti.
Nelle Prospettive de’ Santi Sepolcri, rappresentanti Tempj, ed altri edificj del secolo della Reden-
zione, si troveranno diversi adornamenti, che allora a dir vero non si costumavano, e spezialmente le
Figure, dalli primi di detti edificj affatto proibite ; la qual cosa ho creduto di poter ulàre sotto titolo
di licenza, ad esempio di quelle presesi da altre Arti Liberali, che hanno tanta relazione, ed affinità
coll’ Architettura, ed autorizate dalla comune tolleranza.

Se quella mia opera avrà la sorte d’incontrare qualche approvazione, potrà ciò animarmi a parte-
cipare in simil guisa al Publico altri miei studj, e fatiche, adattati quanto mi sarà possibile al comun
gusto, e. sodisfazione, secondo la scoperta, che ne sarò con quello mio primo parto. Vivete felici.
loading ...