Bullettino archeologico sardo ossia raccolta dei monumenti antichi in ogni genere di tutta l'isola di Sardegna — 1.1855

Page: 170
DOI issue: DOI article: DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/bullarchsardegna1855/0179
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
170

Essendosi, come abbiam veduto, radicato principalmente
nella parte occidentale dell' isola il culto di Sardo Padre,
pare che non possa più oltre nascer dubbio suir asser-
zione di Par.sania (in Phoc. , cap. XXIII), che i Sardi oc-
cidentali fossero stati quelli che presentavano il tempio di
Delfo d' una statua di quell' eroe, onde vi stesse quale mo-
numento dell' antica loro venerazione verso di lui. Ed a
questo proposito è dato pur di credere che la statua in-
viata fosse modellata su quella che si adorava nel tempio
della Frasca. Copia pure della medesima crediamo quella
che sta in fronte di questo bullettaio, e che veniva dot-
tamente illustrata dal La-Marmora. Nò fa ostacolo che
fosse rinvenuta nella antica citta d' Olbia: dappoiché è
da credere che tutte le statue di Sardo esistenti nel-
l'isola, fossero conformi a quella del primario tempio
della Frasca

P. Martini

STRADE ANTICHE DELLA SARDEGNA
NELl' EPOCA CARTAGINESE E ROMANA, CITTA', ISOLE,

PORTI E FIUMI

Se le strade si fecero in ogni tempo per la comodità degli
uomini, per facilitare il commercio, e per mettere in co-
municazione gli uni cogli altri (1), ognun vede dalla gran

(i) Dalle relazioni che furono obbligati di avere gli uomini messi in distanza
da un paese all'altro, ne seguì la necessità di coslrurre le strade. Anche nel-
1' Egitto e nell'Assiria si sono scoperti avanzi di strade antiche appartenenti
all' età più rimota. Ne è da supporre che in Sardegna prima dei Cartaginesi
non abbiano i primi Coloni di Giolao, Sardo, Norace, Aristeo ecc. avuto delle strade
per comunicazione, siano state desse viuzze o sentieri conforme la loro civiltà.
loading ...