Ficoroni, Francesco de'
Le vestigia e raritá di Roma antica — Rom, 1744 [Cicognara, 3722]

Page: 17
Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ficoroni1744/0031
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
Libro Primo Capitolo V* 17
Iato 5 che alla viltà ha le colonne composte di più pezzi di
pietra Tiburtina colle scannellature ripiene d'antico stucco 5
non so , sé per più pulizìa $ o per l'oslervanza degli interco-
lunni i , dal che^, e dal suo largo cornicione (colpito di tesle
di leoni , e altri ornati, consumati dal tempo 5 stimo 5 che
sia uno de' più antichi Ternpj di Roma . '
Delle Donne solite d'andarviti a bagnare ne fa menzione
Ovidio :
Difc'ite nunc quare Fortuna Thura virili
Detis eo , e ali da qui locus humet aqua . (V) ,\a-' ™stc
Quello Tempio nel feto 5 in cui giace prelìb il Tevere ,
e l'altro contiguo di Vesta vengon menzionati nell'Opera in-
titolata Frammenta Veftigii veteris Roma pag,2/\« Tab, V*
i quali preziosi frammenti sono nel Tesoro Capitolino donati
con altre rarità intigni dal Sommo Pontesice BENE-
DETTO XIV.
Venne questo Tempio ridotto al culto divino dedicato
a S. Maria Egiziaca , di cui porta il nome , ed è conceduto
alla Nazione Armena 5 che vi ha la forma del Santo Sepolcro.
Datati adestra un' occhiata all'Isola Tiberina fra i ponti
Celilo , e Fabricio , e a tinistra alla bocca della Cloaca Mas-
sima di sopra menzionata 9 merita di esìer considerato il Tem-
pio rotondo della Dea Verta , satto da Numa Pompilio , del
qual Tempio le relazioni fin qui pubblicate non sono esènti
da alcune semplicità.
Il suo Portico circolare è composlo di venti grosse co-
lonne scannellate Corintie di marmo Pario . E' però gran
danno ,, che nel convertirti 3 e dedicarti a S. Stefano , con
poca previdenza venner chiulì gli intercolunniicon muro Go-
tico 5 non vedendoti al difuori , che poco della metà di !
ciaseuna colonna 3 né dentro vi ti può palleggiare , ed il Tem-
pio dentro5 e fuori 5 fin gli stipiti della porta sono imbiancati,
e ricoperti di geilo a segno 5 che in ninna parte si vede di
qual materia sia coslrutto , le quali cose impedirono il vir-
tuoso Signor Desgodetz Parigino di poterlo di inoltrare nella
sua rara Opera d'architettura d'altri Templi Romani.
Per osiervare il contenuto del Tempio piccolo bensì 3
C ma
loading ...