Ficoroni, Francesco de'
Le vestigia e raritá di Roma antica — Rom, 1744 [Cicognara, 3722]

Page: 85
Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ficoroni1744/0115
License: Public Domain Mark Use / Order

0.5
1 cm
facsimile
lltrLe bW
I Arato a
:t^ delie
avaati ia
tra CQQlìJ
1Js nel vi,
II "n'altn
:a z^eccliK
vole, ie
?adredel
ate tra le
ito della
0) dove
le S, Do.
Dameni.
terra^che.
bre ilcri.
)ra.
ia Appij
; dibrec»
, sìeguea
ere sepol-
mce del»

Ltbro Primo Capitoio XIV.

85

CAPÌTOLO XIV*
Del Monte Celio, e delle memoria
che in e^o rimangono.
ER osservare il più degno di quello quarto Colle con-
yien principiare dalla parte d'incontro le ruine del Pa-
latino . Nell'eiìremità per tanto , dove è la diyota Chiesa d£
S. Gregorio de'Monaci Camaldolesi > fu anticamente il Tem-
pio di Bacco. Della qual cosa, oltre ad altri documentila in-
dizio una lamina di metallo sigurata,trovata nell'orto vicino»
della quale, essendo siata da me. acquistau ? ho voluto esporre
in quello luogo il disegno . -



i

t^jp-pvesj-o l'^Auimre

Ci-

YeggonG in cssa da i lati due piante di vke co» grappo!?;
e pam-
loading ...