Ficoroni, Francesco de'
Le vestigia e raritá di Roma antica — Rom, 1744 [Cicognara, 3722]

Page: II_069
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/ficoroni1744/0321
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
Libro Secondo Capitolo Vili. 69
Tempio ricoperto di sopra di tegole nel modo , che costumail
in quelli nostri tempi,* e la seconda per esservi scolpito un por-
co , a cui un Genio porge la farfalla simboleggiata per l'ani-
ma, facilmente d'un defunto Epicureo . Nel fine dello strado-
ne con fontane e divertì marmi scolpiti è il casino , dentro del
quale è Angolare la testa mezza cololTale di Plotina moglie
di Trajano ,e la slatua di Diana, ambedue di Greco scalpello;
di moderno è curiosa V anatomia d' un cavallo di metallo •
Lascio la slatua d' Antonino Pio , e altre antiche per dire »
che vi è la slatua più grande del naturale di L. Vero , e di-
vertì bulli , uno de'quali è di Serapide della dura pietra
basalte , e una statuetta di Cerere ; ma la principale è quella
della Pudicizia più grande del naturale d'insigne scalpello .
In altra camera oltre ad un rotondo vaso di marmoNumidico>
servito per bagno , è affilia una lapide di granito rosligno ,
incitìvi alcuni sinimenti architettonici . In altre camere fra'
busti è di Greca scultura quello d'Ercole giovane , come an-
che la slatua giacente di Fauno coll'otre , servito di fontana ;
così pure pel. medetìmo uso è il gruppo di due slatuette di un
Satiro giacente 5 e di un Fauno in atto di trargli la spina
dalla pianta del piede , ed altre buone slatue , con un' anti-
ca tavola di porfido verde, che è di tal grosTezza5 che presen-
temente tagliandola farebbe tre tavole , ed è pezzo raris-
sìmo . Fuori dei catìno tra le altre rarità è una slatua nu-
da di donna giovane in atto di pisciare , servita di fontana,
l'acqua della quale sboccava dalla parte oscena ; libertà poco
onesta degli antichi Romani . Sieguono alcuni marmi termi-
nali , e orci di terra cotta da conserve di vini. Veduti alcuni
piacevoli giuochi d'acqua , sono degne le slatue esposle a pie
della facciata del catìno , ellendo la migliore quella d' Au-
guslo . Vedatì la grand'urna colle nove Muse , già pubblica-
ta con le stampe, e due pezzi di obelischi, uno de'quali ne se-
coli Gotici tì legge eilere slato in Campidoglio . E' da contì-
derartì la gran teda a guisa di cololso d'Alessandro Magno »
che ritrovatali in più pezzi, sono quesli slati riuniti pulita-
mente , e tìccome era di espressìone venerabile , è facile 5 che
folle creduta da' pruni Cristiani una Deità , onde solle rotta
in
loading ...