Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi: Antichità del territorio Falisco: esposte nel museo nazionale romano a villa Giulia (Parte prima) — 4.1894 (1895)

Page: 481
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1894/0247
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
481

DELLE TOMBE DI NARCE E DEI LORO CORREDI

4*2

Tombe 9-13. Fosse rettangolari con grandi loculi
sepolcrali (fig. 59), tutte esplorate in antico. La prima
era stata talmente deformata, da non potersene con
esattezza determinare le dimensioni.

La seconda, profonda m. 2,20. larga m. 2,25, aveva
il loculo lungo m. 3,40. Vi si trovò un filetto di bronzo
per cavallo, a due branche snodate; un' oinochoe ne-
rastra ad alto collo, ed altri frammenti fìttili di nes-
suna importanza.

La terza, profonda m. 2,30, lunga m. 2,25, con
loculo lungo m. 4,25, restituì soltanto pochi globetti
di smalto vitreo adoperati per collana.

La quarta, profonda m. 2,70, lunga m. 1,90, con
loculo lungo m. 3,00, conservava soltanto un'olla di
forma comune, a copertura rossa (fig. 104); alt.
min. 190.

La quinta, profonda m. 2,50, conteneva una pic-
cola armilla di bronzo, una lama di spada ed un' an-
foretta nerastra a bulla, con anse verticali a nastro,
decorata delle solite spirali (fig. 103) ; alt. mm. 140.

Tombe 14-16. Fosse rettangolari con loculo pel
vasellame di corredo (fig. 54), anch' esse esplorate in
antico.

La prima, profonda m. 2,25, lunga m. 2,00, larga
m. 0,75, conservava soltanto il piede di un sostegno
fittile coperto di rosso e decorato di bianco. Inoltre fra
la terra, che fu vagliata, si trovarono i denti dello
scheletro coloriti di verde per l'ossido di rame.

La seconda e la terza si conservavano soltanto a
metà dell'altezza, a causa dello sconscendimeuto del
terreno.

K

Quarto sepolcreto a sud di Pizzo Piede.

Vi si scoprirono trentuno tombe, alcune a fossa sem-
plice, altre a l'ossa con loculo sepolcrale, e nella mag-
gior parte a camera ; queste ultime tutte nel declivio e
con entrata rivolta al fosso del Peccato (fig. 197).
Anche qui per lo scoscendimento del terreno, molta
parte dello strato in cui furono incavate le tombe,
venne a mancare ; ed essendo rimaste naturalmente
Monumenti antichi. — Voi. IV.

scoperte le vie di accesso, nessuna camera fu immune
da precedente violazione. E così neanche le fosse sca-
vate sull'alto furono rispettate.

Tombe 1, 2. La prima a fossa con grande loculo
sepolcrale era spogliata completamente. La seconda a
fossa con loculo pel vasellame di corredo, profonda
m. 3,00, lunga m. 2,65, larga m. 1,25, diede i soliti
oggetti dell'ornato personale, cioè : braccialetti di filo
di bronzo con capi sovrapposti ; fusaruole di creta scura
con impressioni di cordicella ; tazze d'impasto nerastro
su alto piede; un'olla a copertura rossa e pezzo in-
forme di silice.

Tomba 3 (N. LXIV). Camera trapezoidale, lunga
m. 2,60 nella parete di fondo, m. 2,50 in quelle laterali
e m. 2,25 nella parete dell' ingresso. Nello scoscendi-
mento del terreno la volta era perduta, e quindi non
si potè riconoscere l'altezza originale della camera.
Benché violata essa pure in antico, ci conservò presso
un sarcofago di tufo, rotto in pezzi, molti rottami fìttili
assai preziosi, dai quali si potè ricomporre un numero
cospicuo di vasi rarissimi e di buccheri fini.

1. Oinochoe precorinzia a bocca rotonda, con rotelle
nell'attaccatura dell'ansa presso il collo, e con corpo
ornato a fascie ed a squame; alt. mm. 192.

2. Altra oinochoe simile, un poco più piccola, tutta
ornata a zone circolari, una delle quali intramezzata
da fascie verticali e con rosette; alt. mm. 222. È
riprodotta nella fig. 152.

3. Altra oinochoe a bocca trilobata con ornati a
fascie ed a squame e nel mezzo con una fascia di qua-
drupedi che s'inseguono; alt. mm. 225. È rappresentata
nella fig. 130.

è

4. Altra oinochoe simile, e delle dimensioni me-
desime, di argilla figulina finissima, senza pittura e
senza ornamento alcuno, lasciata incompleta nel lavoro
di rifinitura al tornio.

5. Kylix a pareti sottilissime, mirabile per la mae-
stria con cui fu tornita, decorata a fascie bianche e
pavonazze; alt. mm. 61. È rappresentata nella fig. 131.

0. Altra kylix di maggiore diametro e più bassa,
decorata con riquadrature, in alcune delle quali sono
delineate delle oche ; alt. mm. 63.

7, 8. Due ciotolette di argilla, prive di vernicia-
tura; la più grande alta mm. 105.

" 31
loading ...