Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 6.1896

Page: 33
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1896/0023
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
38

RELIQUIE DI FIRENZE ANTICA

34

Esiste altresì un bel frammento del sommo scapo
scannellato d'un pilastro (fìg. 22), proporzionato alle
colonne del maggior capitello (scannell. m. 0,11 con
costole di m. 0,03), e quindi probabilmente riferibile
alla decorazione delle ante (n. d'inv. 51 ; trovato presso
s. Donato dei Vecchietti).

Fig. 20.

È da credere che appartenessero al tempio di Giove,
o corrispondessero con i nostri frammenti di pilastri

Fig. 21.

scannellati anche alcune pietre scannellate ben grandi,
rinvenute nel 1728 in piazza Luna, ed ivi impiegate
per uso di chiusa d'acqua (1).

(>) La notizia di questo trovaraento devo alla cortesia ami-
chevole del eh. Iodoco del Badia: a. 1728 « Nel fare un pozzo
smaltitoio per l'acque putride in piazza Luna che torna dietro
alla Iribuna o sia parete dell'aitar maggiore della chiesa di s.
M. in Campidoglio, sotto al suolo 8 braccia in circa presso
ai fondamenti della Chiesa a B. 10 in circa sono state tro-
vate alcune pietre ben grandi poste in ritto e scannellate
dalla parte di dentro, una opposta all'altra, all'uso di chiusa
d'acqua ».

Monumenti antichi. — Voi.. VI.

Per lo stile e la tecnica credo inoltre di poter ascri-
vere al tempio di Giove i due frammenti di trecce che
diamo disegnati nelle figg. 23,24, recanti i numeri d'inv.
197, 730, e due altri nn. 0173, 0174. Così pure alcuni
pezzi di trabeazione corniciati, recanti i nn. 72, 502,
531,643, 648, 848; alcune cornici di paramento se-

Fig. 22.

gnate coi nn. 38, 82, 168, 637, 653, 655, 690; ed un
pezzo di cornice dello stilobate n. 79 (fig. 25), tro-
vato presso s. Maria in Campidoglio.

Fio. 23.

Forse è da assegnare al tempio di Giove anche l'in-
teressantissimo frammento n. 28, che diamo qui di-
segnato (fig. 26), rinvenuto nel pozzo smaltitoio dianzi
ricordato.

È un frammento di lastra scutulata di marmo
bianco (lunese), spessa m. 0,06, decorata da ambe le
parti con commessi (opus sedile) di marmo verde
(verde di Prato) (').

(!) Il verde di Prato fu particolarmente usato, com'è noto,
nel Battisterio di s. Giovanni, in s. Miniato e nelle altre chiese
medioevali di Firenze e di Toscana.

3
loading ...