Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 9.1899

Page: 241
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1899/0129
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
241

CAMARINA

242

Sep. 3. Dentro una delle solite fosse vi era un
piccolo sepolcro fittile a baule per fanciullo, la cui
forma è evidente dalla sezione unita (fig. 30) ; uno dei
pezzi del coverchio aveva graffita la lettera H. Dello

fittile di un pezzo (m. 2,00 X 0,75 X 0,52), il cui
coperchio, formato di due pezzi a curva (fig. 31),
lievemente archiacuta, che ricorda un po' i sarcofagi
liei, poggiava su di una sporgenza interna dei lati

Fig. 30.

scheletro del fanciullo ogni traccia era scomparsa ; si
raccolsero i rottami di uno skyphos attico nero e di
un boccaletto.

Sep. 4. Doppia fossa come la precedente; la in-
feriore protetta da tegole conteneva uno scheletro col
cranio ad E; la superiore pure contornata e coperta
di tegole aveva nell' interno altro scheletro con cocci
di una kylix e di uno skyphos nero-ebano, di fab-
brica attica.

Sep. 5. Anfora 1. cm. 50, adagiata orizzontalmente
in un cavo dell' arenaria compatta ; il collo fu strap-
pato, per introdurre uno scheletrino, del quale si av-
vertirono minime tracce, e la bocca venne poi chiusa
da un frammento di tegola.

Fig. 31.

Sep. 6. Fossa E-O, di m. 1,15 X 0,70 X 0,80, con-
tenente un sepolcro a cassetta di tegole, con coperchio
a piovente, per un bambino.

Sep. 7. Simile.

Sep. 8. Ampia fossa nell' arenaria compatta, dir.
E-0 esatto, prof. m. 1,95, contenente un sarcofago
Monumenti antichi. — Vol. IX.

Fig. 32.

lunghi delle guancie. Lo scheletro col cranio ad E
teneva alla mano s. (fig. 32 e 33), una hydria attica
nero-ebano a. mm. 165; alla mano d. stava un altro
gruppo di vasetti attici nero-brillanti, cioè una oeno-
choe, una lekythos aryballica, due skyphoi con fascia
rossa alla base adorna di sottili radiolature ed una
lucerna discoidale aperta ombelicata.

Sep. 10. Piccola tomba di bambino, formata di
tre tegole, una di fondo e due a piovente, senza con-
tenuto.

Fig. 33.

Sep. 11. Simile senza tracce di ossa, ma con due
chiovi in bronzo a calotta discoidale.

Sep. 12. (Ustrinum). Ampia fossa (m. 2,13 X 1,00
X 0,65 prof.) piena di abbondanti carboni e di terra
bruciata, con pochi framm. di vasi pure arsi.

Sep. 13. Fossa a tegole violata, dir. E-O, con tracce
dello scheletro, e cocci di una hydria àttica del V sec.
con palmette rosse.

16
loading ...