Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 9.1899

Page: 565
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1899/0291
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
565

IN PROVINCIA DI SALERNO

566

su completo almeno un grande vaso tutto con pezzi
antichi. A me s' impone ora una scelta dei tipi nella
enorme quantità di cocci, che mi è impossibile di
enumerare.

Questi vasi non hanno ornati, e sono completa-
mente lisci, salvo il primo in cui si notano alami
piccoli bitorzoletti sporgenti. Sono tutti fatti a mano,

Fig. 10.

1:6

Fig. 12. 2:o

I più semplici tipi, fra quei vasi di maggiori
dimensioni che meglio si conservarono o meglio siamo

come gli altri dei quali parleremo, nessuno escluso,
e di argilla molto impura ed imperfettamente cotta

Fiu. 11. l:6

riusciti a ricostruire, vengono rappresentati da sco-
delloni, o di forma irregolare e senza manichi (tìg. 10),
o di forma più regolare e con anse ad anello orizzon-
tali (fig. 11); talvolta poco svasati e quasi cilindrici,
con fondo piano a guisa di casseruola (fig. 12); tal
altra assai svasati, di forma quasi corretta e forniti

Fig. 13. 1:4

che va dal tono bigio del vaso fig. 12 al rossiccio

Fig. 14.

1:2

di un setto mediano che li divide in due recipienti
distinti (fig. 13). Le ultime due forme presentano
una. sola ansa ad anello verticale.

dell'esemplare fig. 13, al bruno d'ardesia dell'altro
a tìg. 11. Sembra che qualche volta la differenza del
tono sia voluta ed ottenuta con la varietà della pasta ;
loading ...