Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 18.1907

Page: 355
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1907/0191
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
355

NUOVI STUDII E SCOPERTE IN GORTYNA

356

logia con la nuova trovata mi permette di dare di
essa una lettura più completa:

r^aXéqiov

xòv ènixpavétiiaxov xcà àvÓQsióxaxov [KatóccQa
xòv éavxov xcà xrjg oixov/nsrrjg \_d~\s<l\jtÓTrjv
Màqxog AvqrjXioq Bv^rjg ó di,a(Srjfió[xaxog rjys^iwv
v>i? KQi'l^g.

La nostra sarà da leggere:

. . . coqicoi' . . ProS àvd-Qmrccov ys~\vov$ óttiTióttjv
Avxoxqlxxoqcc KmtfaQcc Mùqxov AvqìjXiov OvaXsqiov
Ma'^i^iiavòv EtKSs^fj, Evxv/ìj, 'Avs(xrj%ov, ^e^adxòv
xòv iavtov xcà Tfjg oìxovfis'rrig Ssdnór^v
Mùqxog AvQrjXiog Bv^rjg ò óiocarjfióxaxog rjyefiwv
xìjg Korjxrjg.

La linea 1 doveva contenere dei titoli più o meno
ampollosi dati a Massimiano. Ho per una parte sup-
plito rov àvOquìnan' yf\vovg a somiglianza di altre
iscrizioni, quantunque non tutte le tracce di lettere
rimaste, se ben le ho rilevate, sembrino autorizzare
questo supplemento.

Abbiamo pertanto due iscrizioni incise su colonna in
onore di Massimiano e di Galeno, l'ima e l'altra per
cura del proconsole M. Aurelius Byzes. È perciò assai
probabile, che lo stesso personaggio abbia onorato con
temporaneamente nello stesso modo Diocleziano e Co-
stanzo Cloro. Ed avendo noi trovato le due iscrizioni
di Massimiano e di Galeno, è naturale supporre, che
non a Galerio imperatore ma a Galerio Cesare fosse
l'epigrafe dedicata; perchè, quando Galerio divenne
Augusto, Massimiano tornato per l'abdicazione sem-
plice privato, non avrebbe più avuto di tali onori. Ed
invero l'aggettivo smtpavs'crxaxog che è buona e asita-
tissima traduzione del latino nobilissimus (') ci per-
suade sempre meglio della giustezza del supplemento
KctioccQa proposto per la linea 2 dell'iscrizione dell'Ame-
rican Journal. Allora le due iscrizioni si datano agli
anni tra il 292 e il 305, anno dell'abdicazione, e in
quegli anni M. Aurelius Byzes fu governatore di Creta.
Sarà forse da escludere l'anno 292 e l'immediatamente

o gli immediatamente susseguenti, perchè sapendo noi
che solo nel nuovo ordinamento di Diocleziano, Creta
fu separata dalla Cirenaica, e costituì una provincia a
sè, e trovando qui Aurelio Bize governatore solo di
Creta, siamo indotti a ritenere meno probabile come
data uno dei primi anni di Diocleziano.

Resta da osservare :

lin. 2. Massimiano porta nelle iscrizioni a volte il
prenome Marco, a volte Caio; in una moneta poi sem-
bra portarli tutti e due ('). Porse il primo era il pre
nome suo proprio, l'altro un prenome assunto per de-
ferenza al collega maior Caio Aurelio Valerio Dio-
cleziano.

lin. 5. Mùqxog AÒQijliog Bv£r]g ; il cognome è tut-
t'altro che comune ; Byzes è un fiume della Bitinia (J),
Bizias appare isolato come nome di un contemporanei
di Simmaco (3).

Il titolo di diaarjnóxaio; che si incontra abbastanza
comunemente, è dato con una certa promiscuità a per-
sonaggi dell'ordine senatorio, come il nostro Byzes, a
funzionari dell'ordine equestre (4) e anche a personaggi
insigniti unicamente di cariche municipali, e alle loro
mogli (5).

lin. 5-6. Il titolo rjys/xàv xìjg Kqrjxìjg (in cambio
del più comune vnatixóg che nel secolo IV sosti-
tuisce l'anteriore àvO-vnaxog) è già esemplificato in
Amerio. Journal, 1898, p. 8ò;Bidl. Corr. IMI. 1882,
p. 436; 'Ecp. AqxmoX. 1897, p. 66.

10. In casa di Manolis Iliakis a Haghii Deka da
lui trovati nei proprii campi sotto un olivo. Cinque
frammenti di una lastra marmorea danneggiata assai
dal fuoco; quattro di essi si congiungono, il quinto
che è il più piccolo, e contiene solo la parte superiore
di due lettere, non si riunisce agli altri, e per essere

(') Cfr. ènwpavédTaxos KalaaQ, C. I. 0. 2018, 3182, 3149,
3007, -1892,, add. 3857, add. 4300, ecc.

(') Cohen, VI2, p. 493, Macoimianus, n. 4 imp ■ c • ma■

val • maximianvs p • f • avg •

(*) Ammian. Marceli. 22, 8-14.

(3) Symmach Epist. X, 31, ed. Seeck, in Monum. Germ.
Ilistorica, voi. VI, p. 313.

(4) P. es. un procuratore dei beni imperiali in Macedonia
{Mélange» de VÉc. Frane. 1900, p. 229).

(5) P. es. in un' iscrizione di Sebastopoli (Journ. of II eli.
Stud. 1900, p. 153).
loading ...