Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 18.1907

Page: 679
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1907/0387
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
679

Villaggi preistorici di caldaré

680

di Creta acuirono la nostra curiosità pei tempi che
sono anteriori all'età micenea. Noi abbiamo la sicu-
rezza delle relazioni commerciali della Sicilia con
Creta nel periodo minoico di molti secoli anteriori
a Micene. Tratterò meglio questo argomento in un
prossimo scritto sulla ceramica neolitica; qui vediamo
gli strati archeologici siculi che sono anteriori alla
civiltà di Micene.

L'Orsi trattò colla sua grande competenza questo
soggetto in un suo scritto recente (') ed egli ammette
che le ossa lavorate di Castelluccio (delle quali trovò

trincea. Ho già detto che non trovaronsi frammenti di
vasi colla decorazione del 1° periodo; tutti i vasi che
tornarono in luce sono acromi, di terra nera, grigia
o gialla e tutti sono fatti a mano, alcuni di creta gra-
nulosa poco fina. 11 vaso 52 fatto come un testo
pei fiori, rotto sul bordo superiore, è alto 12 cm.
col diametro della base uguale 11 cm., e le parti
spesse più di un centimetro.

La fig. 53 rappresenta due scodelle trovate a
soli 50 cm. di profondità nella grande trincea, col dia-
metro di 10 cm., alte 5 cm., col manico rotto, di terra

Fig. 52. — Vaso di terra nera trovato nella grande trincea (*/a circa del vero).

un altro pezzo a Grotta Lazzaro presso Modica) siano
un documento di commerci marittimi anteriori alla
metà almeno del secondo millennio a. C, e che con
tutta probabilità toccano il terzo.

La grande trincea che feci nei detriti umani di
Caunatello viene a confermare questa remotissima
antichità della coltura sicula. Confesso però di non
aver potuto approfondire tale studio quanto avrei de-
siderato, e spero che altri voglia riprendere gli scavi
di Cannatello per risolvere alcuni problemi che rima-
sero insoluti.

La difficoltà maggiore sta nel decidere l'età cui
appartiene la ceramica che venne fuori nella grande

nera leggermente rossastra in alcuni punti per l'azione
del fuoco. Lo spessore delle pareti è di 8 mm. En-
trambi questi vasi rassomigliano alla ceramica neo-
litica.

Trovai pure anse tubulari con piccole aperture ver-
ticali per la sospensione, incassate nella parete del
vaso, che sono identiche a quelle che vennero in luce
nella seconda città preistorica della collina di His-
sarlik (')•

Visto che si ammette dall'Orsi la ceramica non co-
lorata nel primo periodo e che in alcuni luoghi della
Sicilia questa ha la prevalenza, io sarei disposto ad
ammettere che il grande deposito dei detriti in basso

(') Orsi, Nuovi documenti della civiltà premicenea e mi
cenea in Italia. Ausonia, anno I, 1967, p. 1.

(') Scliliemann, Jlios, figg. 29, 57 ecc.
loading ...