Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 19.1908

Page: 259
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1908/0150
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
259

IT, NURAGHE PALMAVERA PRESSO ALGHERO

260

alla parete della torre, due porte I ed N (vedi la
pianta II, a, b, e la seziono (tav. Ili, lìg. 2), adducenti
a strette scale, praticate nello spessore della cortina ed
accedenti ai piani superiori.

Ad entrambi queste scale non era possibile l'ac-
cesso senza l'aiuto di una scala mobile in legno che,
come avveniva per la scala della cella principale A,
poteva all'occasione alzarsi, rimanendo così impedita
la salita al piano superiore. La porticella di accesso

Fig. 11. — La nicchia H, nel cortiletto del recinto, contenente
i frammenti di grande dolio.

alla scala di destra L, stretta ed alta m. 1,80, come
si vede dalla figura 16, si restringe alquanto verso
l'alto, con un garbo accurato che quasi attesta una
certa preoccupazione architettonica; dopo un breve
tratto di pianerottolo si svolge la scaletta, larga
m. 0,80 coi gradini regolari, ma stretti, praticata nel-
l'interno del muraglione del contralforte. come avviene
per le scale solite delle torri nuragiche e come si
riscontrò in altri recinti, quali ad es. il recinto del
N. Lughorras, e quello del nuraghe Piscu, presso
Suelli.

La scaletta era interrotta dopo sette gradini ed es-
sendo rovinata la parte superiore di questo lato del-
l'edificio, così non potè farsi chiaro se essa mettesse
ad una cameretta o ripostiglio, praticato nello spes-
sore della muraglia all'angolo nord-est, come lasce-
rebbe supporre la prudente difesa dell'ingresso, oppure
ad un terrazzo sulla fronte dell'edificio.

La scaletta di sinistra, conservata per una mag-
giore altezza, N (vedi tav. II, b), ha il pianerottolo

Fig. 12. — Parte della scala alta dal recinto alle celle
superiori delle parti aggiunte. Serve a mostrare : 1° la
forma della porta: 2° l'altezza della soglia dal piano
del cortile.

alla soglia della porticina, due gradini messi a ventaglio
per dare il giro alla gradinata che sale verso destra
e nove altri gradini alti e stretti, molto levigati dal-
l'uso, pei quali si saliva ad una cameretta o ad una
terrazza situata al di sopra della cella d'angolo C.
La scaletta era molto ripida, ma la vicinanza delle
due pareti permetteva in origine di appoggiarsi e di
salire e scendere con maggiore sicurezza; la scoperta
di una lampada, fatta sulla gradinata della scaletta,
sarebbe argomento a pensare che questa fosse abitual-
mente poco illuminata, e quindi mettesse non ad un
loading ...