Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 19.1908

Page: 385
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1908/0214
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
385

provano gli scavi di Cumasa in Creta) vi era già
l'usanza di servirsi delle vertebre di pesce per farne
collane e che tale moda esisteva puro in Italia e
nell'Europa centrale sino dall'età neolitica ('). Anche
nella prima età dei metalli i fratelli Siret trovarono
abbondanti nella Spagna queste collane fatte con ver-
tebre di luccio.

Non è quindi da maravigliarsi se tali vertebre
vennero in luce nella stazione di Coppa Nevigata. Ne
portò il sig. Boschi a Roma per la colleziono del
Museo preistorico, ed altre ne trovai nello strato medio
dell'epoca del bronzo.

Le collane fatte colle vertebre di luccio e di pe-
scecane appaiono negli strati preistorici come le traccie
delle onde che la civiltà primitiva dell'Egeo lanciava
alla superficie del continente, nelle età remotissime,

H Rutot, Le préhistorique dans l'Europe centrale, p. 204.

386

quando nel Mediterraneo erano comuni la civiltà e le
credenze. Aspettiamo che nuove scoperte facciano cono-
scere dove ed in quale tempo ebbe origine questa
usanza di adoperare le vertebre di luccio, e di pescecane
come un ornamento od un amuleto.

EPILOGO.

Per la morte improvvisa di mio fratello Ugolino,
professore nell'Università di Genova, interruppi gli
scavi.

Dedico alla sua memoria questo scritto bagnato di
lagrime e faccio voti che (se non io) altri abbia la
fortuna di compiere lo studio di Coppa Nevigata; e
che il Governo espropriando il terreno archeologico
della stazione, dia i mezzi per completare un' indagine
che sarà certo profittevole alla storia del popolo ita-
liano.

A. Mosso.

PRESSO MANFREDONIA

Monumenti Antichi — Vol. XIX.

2,r>
loading ...