Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 19.1908

Page: 595
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1908/0333
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
5^5 IL RILIEVO GLADIATORIO DI CHIETI 595

tarsi a gladiatori : in secondo luogo perchè nei rilievi più ragionevole se pensiamo che il rilievo e la pit-
greci i combattenti sono generalmente raffigurati nudi tura non erano una fotografia istantanea, ma un lavoro
(fatta eccezione per i barbari che indossavano brache di artista, che riproduceva lo spettacolo forse non
e veste con maniche), armati soltanto di lancia e di poco tempo dopo che esso ora stato dato,
spada, difesi da scudo e solo qualche volta pure da Tenendo conto di quanto finora si è detto, non ci

elmo: e questa armatura così povera, non rispondente sarà difficile riconoscere che l'atteggiamento di alcuni
alla realtà, era data ai combattenti non solo per ef- gladiatori del nostro fregio è assai simile all'atteg-
fetto plastico e per l'amore che gli artisti greci por- giamento di guerrieri scolpiti in monumenti greci,
tavano al nudo, ma pure per togliere ai combattenti Nelle figure 20 e 21, 22 e 23 ho messo accanto ai due
anche così ogni apparenza realistica.

E qui voglio prevenire una obbiezione. Il passo di
Plinio (l) già citato, che riceverebbe conferma da
quello di Petronio (2), potrebbe far ritenere che gli
artisti, i quali nell'età romana rappresentavano in
pittura o in rilievi lotte gladiatorie, si preoccupavano
soprattutto della fedele riproduzione della realtà. Ma
così al passo di Plinio come a quello di Petronio

Fig.120. — Gladiatore 11 del ril. glad. di Chieti.

Fig. 21. — Greco combattente del fregio del Thcseion.
(Ricostruzione del Sauer).

gladiatori 11 e 1(5 del rilievo teatino, due guerrieri

bisogna dare il valore che essi hanno. Non nego, , , , . . , , , , . -, , ml ■ T

del fregio orientale del cosi detto Iheseion. Le so-

anzi non metto in dubbio che nei dipinti e nei ri- . ,. ., ,. .

migbanze sono evidenti, ne panni possano essere ca-

lievi i quali ritraevano multerà veramente dati, come ,. , ,, :„„,j„„„

1 suali : ed altre ancora se ne possono ricordare.

certo ritrae il rilievo teatino, siano esattamente ri- R gladiatore 4 de, nostro fregio assomigiia aSijai
prodotte e l'armatura dei gladiatori che presero parte neiratteggiamento ad altr0 (.) del Theseion gruppo
ai ramerà e talora perfino la fisonomia (questo ci dice foi>mato ^ g]adjatore 17 che è lra i due hare.
chiaramente il passo di Plinio ora citato); anzi io ho ^ fl ^ presenta uon poca somi_
già detto di ritenere (vedi sopra, p. 556) che il c(m u grupp0 formalo dal prigioniero di-
gladiatore 11 del nostro rilievo ritragga nell'arma- ^ . ^ dufl figurfl ^ Rhe indossano a
tura e nelle fattezze qualche famoso gladiatore, che ^ ^ mì frflgio orientale den0 stesso
prese parte al munus celebrato in questo monumento. tempio Qn ricordato E queste così numerose e
Ma questo non impedisce di credere che l'artista nel ^ somig]ianze mi fann0 peràno dubitare che l'ar-
ritrarre questi gladiatori abbia loro dato (pur ripro- teHce M ^tino, nei ritrarre il gladiatore 14,
ducendo esattamente le loro armature e le loro fat- ]& mftni ]egate aRa scllienai abbia voluto ri-
tezze) atteggiamenti, che gli erano famigliari perchè _

li aveva veduti e ammirati. E questo ci parrà tanto r,vn«trn.

(') Sauer, Das sogenannten Theseion, tav. III. La ncostru-

- zione delle figure da me qui e appresso ricordate, nelle linee

(«) PIÙ,., Nat. hist., 35, 33, 52. generali è indiscutibilmente esatta

(■) Petron., Satyr., 71. I*) Sauer, «P- c,i t:iv' IU' 26' 27 c 28' P' H5 ' gS
loading ...