Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 20.1910

Page: 689
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1910/0360
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
689

LE PIETRE FUNERARIE FELSINEE

690

Dai monumenti felsinei e da altri dell'Etruria, ben
appare come queste insegne non siano che precorritrici
di quelle che sì numerose si incontrano nei monu-
menti romani ; onde la origine etnisca che si dovrebbe
ammettere per le insegne romane ('). D'altro lato ve-
diamo poi testimonianze anteriori, per queste insegne,

del rilievo e dalle tre trombe ('). Le tubae adunque,
e non più le tibie, accompagnano la movimentata
azione dei pugili; questo tratto locale palesa un gusto
meno raffinato e più grossolano e barbarico.

Compendiosamente è rappresentato in queste due
stele uno spettacolo ginnico, coi suonatori e con il per-

5

0 /

11

nella civiltà mesopotamica nel noto passo di Erodoto
(I, 195) e nel frammento di Tello al Louvre (Perrot
e Chipiez, II, fig. 285).

Ingenuamente espressi, l'uno sopra l'altro, sono i
due suonatori nell'esemplare n. 2, i tre nell'esemplare
n. 10; anzi, in quest'ultima stele, del loro triplice
numero si può trarre argomento dal grosso spessore

Muller-Deecke, I, 347; Murray, /. H. S., 1889, p. 251.

sonale d'ordine e di parata. Manca il pubblico, il
quale invece è espresso, come assistente a giuochi sva-
riati, nella pittura cornetana delle bighe (2) di carat-
tere più arcaico; mentre una seriore allusione ad uno

(') Invece nel cratere corinzio coi giuochi funebri di
Pelias (Hauser e Keichhold, t. 121) i tre giudici della corsa
sono effigiati l'uno dietro l'altro.

(2) Museo Gregoriano, tav. 101 ; Dennis, I, pp. 373-376.
loading ...