Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 20.1910

Page: 915
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1910/0488
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
915

AVANZI DI MURA ECC.

916

collo allungato, alto 0,23 '/*, diam. bocca 0,10 72
(tìg. 28).

d) Due così detti pesi da telaio (piramidette
votive), forati, alti circa 0,10 (tìg. 29).

e) Un imbuto di terracotta con manico e fondo
bucherellato (trua), alto 0,11 '/z, diam. 0,14 (fig. 29).

f) Ampollina di vetro azzurrognolo, dal collo
molto prolungato, alta circa 0,12 (fig. 29).

Fig. 29.

g) Due lucerne di terracotta monolychni, una
semplice, l'altra con testa maschile radiata (Apollo?)
(fig. 30), e la seguente iscrizione incisa sul fondo:

IMMOJ13 {sic).

li) Idoletto maschile in bronzo fallico con pa-
tera nella destra, alto 0,09 (fig. 31).

i) Quattro estremità di falli in marmo, alte
rispettivamente 0,19; 0,25; 0,17 l/, e 0,17 7, circa
(fig. 32).

Questi oggetti sono degni della massima atten-
zione, e giovano non poco a far lume intorno alla
natura e alla destinazione del monumento al quale si
riferivano, però avanti di accennare al loro peculiare

significato, credo opportuno di parlare di quella specie
di pozzetti in cui essi giacevano, per vedere prima
di tutto in che consistevano le faoissae, e se i detti
tre pozzetti potevano essere davvero delle favissae.
Poiché queste di Fiesole sono spesso citate come il
più sicuro e tipico esempio del genere, è necessario
che io esamini esaurientemente questo argomento ed
esponga la mia opinione in proposito.

Questo nome, con cui i pozzetti in parola furono
battezzati subito dal Del Rosso, è antichissimo, forse
etrusco ('), tantoché per poter rendere l'idea del
suo significato originario, A. Gellio e Festo, che sono
i due soli scrittori latini dai quali si attingono le
poche notizie in proposito, si trovarono costretti a
ricorrere al paragone con i thesauri greci, mostrando
tuttavia di non averne una nozione esatta e una
conoscenza diretta.

(') Joi'dan-/iW£. Beitraegen zur Geschichte der lat. Spra-
che, 1879, p. 80; id., Topographie der Stadi Rom, voi. I, 1,
p. 274, nota 38; voi. I, 2, p. 9, nota 3.
loading ...