Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 28.1922

Page: 283
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1922/0156
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
2Slì lamine ih bronzo

A quest'ultimo schema di aggruppamento ri-
sponde la rappresentazione di Eos àqui^ovaa iò
amine tò Mé/ivovog' nei monumenti che abbiamo
sopra passato in rassegna.

Nuova e singolare invece appare la concezione di
aggruppamento della figura alata, sbalzata sulla la-
mina Fermili : essa trasporta il definito tenendolo

FIGURATE! A SBALZO 284

gruppamento, noi possiamo trovare esempi di cor-
rispondenza nell'arte greco arcaica. Utile infatti rie-
sce il confronto con le figure di Gorgoni, dalle teste
mostruose, incedenti secondo il solito schema ionico -
arcaico di corsa, che sorreggono in forma analoga,
accostandolo al fianco, Pegaso alato, ridotto ad una
inaura, figura di cavalluccio : tale la Gorgo-Medusa

Fig. 13. — Terracotta decorativa dell'Athenaion di Siracusa.

stretto al fianco, sotto al braccio destro. Essendo la
figura ritratta con la parte superiore (piasi di pro-
spetto, data l'arte primitiva dello sbalzo, eseguita
con le side risorsi' del martello e del cesello, senza
alcun impiego ancora del bulino per rendere i det-
tagli del rilievo, riusciva difficile rappresentare sul
davanti il corpo del defunto sorretto sulle braccia se-
condo il consueto schema di aggruppamento : si
potrebbe così giustificare con ragioni tecniche que-
sto tipo primitivo di aggruppamento, in cui la figura
del morto è sostenuta sotto il braccio, e riprodotta
in conseguenza con piccole proporzioni, alla stessa
guisa delle minuscole figure di mortali rapiti, tenuti
per mano dalle Arpie, nelle rappresentazioni di stile
ionico. Ma, prescindendo anche da considerazioni
tecniche, per questo stesso schema primitivo di ag-

ili terracotta policroma, appartenente alla decora-
zione dell'Athenaion di Siracusa (*) (fig. 13), che ri-
produce il tipo della Gorgo del rilievo frontonale in
poros di Garitsa (2), ed in cui l'aggruppamento carat-
teristico con Pegaso si vede tramandato nella metopa
selinuntina (3).

Il leone rappresentato, nella parte sinistra della
lamina, rampante sopra una base, presuppone un

P) Cfr. Orsi, in Monum. ani. dei Lincei, XXV, 014, tav.
XVT. Vedansi inoltré per riscontro anche alcune antefisse di
Capila : Koch, Daehterràkotten aus Campanien, tavv. XVI, 4 ;
XXXV, 1, 52.

(2) C'Ir. Versakis, in nqaxTixd 1911, pag. 172 sgg.

(3) Cfr. Collignon, Hist. de la seulpt. grecqne I, pag. 244.
ti^. L18. Per la diffusione di questo tipo gorgonico nell'arte
decorativa templari! siceliota, sotto l'influenza dell'aiti' co-
rinzio-arcaica, vedansi : Pace, Arte ni artisti ih Un Sicilia antica,
pag. 50 sgg. ; Orsi, 1. e, G15 sgg.
loading ...