Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 29.1923

Page: 331
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1923/0176
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
331

LA GROTTA TELLE FELCI A CAPRI

332

Sono stati raccolti, e da me c dal Cerio, alcuni di
quei vaselli minuscoli, che si interpretarono dapprima
come giocattoli.

È ormai noto che nei pivi antichi strati neolitici
italiani non si incontrarono, mentre si trovarono in
depositi di carattere sacro. Nella caverna di Pertosa
erano abbondantissimi ; e il fatto che se ne trovò un
grandissimo numero, accomodato con gran cura in una
determinata parte dell'antro, escludi1 di per sè che
fossero gingilli da ragazzi. Anche nella Grotta di re

Da me fu raccolto un minuscolo vasetto nerastro,
a foggia di simpulum, la cui ansa spezzata, elevata
sull'orlo, doveva essere larga come nelle capeduncole,
e che può raffrontarsi ad un esempio più grande uscito
dalla Pertosa (').

Nel materiale della Pertosa conservato nel Nazio-
nale di Napoli, in mezzo alla copia dei vasettini minu-
scoli, uno ne compare che ricorda in miniatura, per
la sagoma, l'ossuario Villanoviano, ed è certo foggia
avanzata (2).

Fig. 8.

Tiberio, nell'Imolese, erano accumulati in una parte
di essa. Si trovarono inoltre in grotticelle sepolcrali
con scheletri di adulti a Latrònico, nella stipe di Mon-
ticchio, ecc. Uno degli ultimi travamenti segnalati
è quello di S. Scolastica, presso Cassino, del quale ebbe
ad occuparsi il Pigorini

Qui mi limito a qualche osservazione. Non può
sorprendere che tali vasettini si presentino rozzi e
mal colti, poiché la loro piccolezza non permetteva
una lavorazione perfezionata. D'altronde alla Pertosa,
e anche qui a Capri, non ne manca taluno foggiato
della stessa ceramica nerolucida delle capeduncole,
ben sagomalo. Anzi nella Grotta delle Felci è stata
dal Cerio raccolta una minuscola capeduncola nero-
lucida, alta appena 2 cm., col diametro di 5 cm., che
deve associarsi agli altri vasettini di cui discorriamo.

Rocchetti fittili. — Sono stati raccolti dal Cerio
alcuni grandi rocchetti fittili plasmati c Ila stessa
ceramica delle capeduncole, i quali appaiono alquanto
diversi da quelli comunissimi negli strati del primo
periodo del ferro.

Uno (fig. 9) è bruno- lucido macchiato, cavo per
tutta la sua lunghezza, e potrebbe descriversi come
l'unione di due tronchi di cono contrapposti per gli
apici. Ha, presso l'orlo, un foro rotondo. La lungh.
è di cui. 10; il diametro della base è di cm. 8.

Un altro, pieno, di ceramica nerastra, è identico
ai nostri rocchetti di legno. È cilindrico, con lo estre-
mità espanse. È lungo cm. 9, col diametro della base
di cm. 5. In questo, come in altri frammenti della
si essa l'orma, il foro piccolo si trova posto trasversal-

(l) Pigorini, Vasetti fittili votivi, in Bull, ili paletn. Uni.
LXIT, 1918,

(*) Patroni, Caverna naturale, conati. preiHoriei inprov. di
Salerno, in Mon. aut., IX, 1890, fig. 20.
(2) Patroni, ibidem, fig. 28,
loading ...