Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 29.1923

Page: 425
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1923/0225
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
425

rilevantissima quantità di tegoloni richiesero lunghi
mesi di lavoro, molto studio e molto amore. Essi ven-
nero eseguiti a varie riprese dal restauratore Giuseppe
D'Amico, sotto la guida ed il controllo del disegnatore
signor E. Carta ; due funzionarli che attesero con vera
passione al delicato compito, ed i cui nomi mi è perciò
grato consacrare nella presente monografia.

Ma al signor Carta altro compito non meno delicato
spettava : quello cioè dei disegni e delle belle tavole che
corredano questo scritto, disegni eseguiti colla sua tra-
dizionale perizia. Assieme con lui abbiamo poi studiato
il sistema della congegnatura, abbiamo proceduto al

426

2) Sima e eassetta a modanature. Alla tav. 11 ù
stato raccolto il materiale riferibile ad un secondo tipo
di sima, tipo ricco di modanature, ed alla corrispondente
cassetta. La creta di questa tea. è gialla, con minu-
tissimo tritume bianco.

A) Sima frontonale rappresentata da pochi fram-
menti. - B) Unico frammento di sima dello stesso
tipo e modulo, ma appartenente ai lati lunghi, perchè
contiene l'innesto dolla grondaja a tubo. - C) Cas-
setta di cui si ebbero due soli frammenti e di cui il
primo terzo inferiore è stato ricostruito graficamente. -
D) Diagramma dell'insieme. I motivi della treccia e dei

OAVLONIA

Fig. 12.

raggruppamento per tipi, ed io ho sempre tenuto in
molto conto le osservazioni tecniche ed artistiche di
questo mio bravo collaboratore, il quale si è formata una
pratica speciale nello studio delle tea. Così siamo addi-
venuti alla costituzione dei tipi che qui si descrivono
e si dichiarano.

1) Sima arcaica a pittura, riprodotta alla tav. I.
Se ne trovò una placca quasi completa e foggiata in
modo da servire al vertice di un rampante frontonale.
L'impasto cretoso ne è rossigno, con minutissimo tri-
tume ; la colorazione a nero e rosso, assai smarrita,
consiste in un doppio meandro nella fascia bassa, in
fogliami di struttura arcaica nella sima, in un meandro
semplice in alto. Date le sue modiche proporzioni,
il modulo grave e tozzo, questa placca, con pochi altri
frammenti riferibili allo stesso tipo, va riportata aduna
edicola assai piccola. Salvo le proporzioni divergenti della
metà circa, una sima assai analoga decorava una edi-
cola del temenos arcaico dell'Athenaion siracusano (').

(x) Orsi, Athenaion di Siracusa, tav. II, pag. 211, fig. 234.
Monumenti Antichi — Vol. XXIX.

fogliami dorici sono ormai elementi di lunga mano
noti, nè hanno bisogno di fermare la nostra attenzione,
la quale si volge piuttosto allo inusitato e complicato
sviluppo di modanature, che si direbbe non consenta-
neo alla semplicità arcaica di codesti pezzi architet-
tonici.

3) La sima grondaja a teste leonine (tavv. III-VII)
è quella di gran lunga più bella, e che ha fornito gli
avanzi più copiosi. La creta di questa serie è rosea
o giallo-pallida, molto depurata, ma non priva di un
parco contingente di tritume lavico.

Dal diligente lavoro di restauro e di ricomposizione
degli infiniti frammenti si sono conseguiti risultati
insperati. Infatti, dei lati lunghi dell'edificio, cui questa
serie si riferiva, si sono ricomposti otto esemplari di
piastre quasi complete; ma sono sopravanzati molti
altri frammenti più o meno grandi, coi quali si po-
trebbe continuare l'opera di ricomposizione. Quanto
mai istruttivo è il pezzo angolare che si esibisce alla
tavola IV ; sopra una delle fronti di esso spicca la
grande e prominente testa leonina, e sull'altra corre la

28
loading ...