Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 29.1923

Page: 647
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1923/0346
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
647

La panigi1inà

648

stianesimo allo scopo d'impedire che i fedeli persi-
stessero nelle pratiche di riti riprovabili. Non solo,
ma noi possiamo anche avere chiare testimonianze
della ininterrotta perpetuazione di culto alle ac-
que, sia nei risultati di alcuni scavi archeologici; sia
nella tradizione letteraria, specialmente poi di carat-
tere folkloristico ; sia nella narrazione della vita
ed opere dei primi apostoli del cristianesimo ; sia in-
fine in editti degli imperatori convertiti a questa
nuova religione (1).

(') Queste testimonianze tutte sono molto note : tuttavia
credo opportuno ricordare, solo accennandoli, alcuni luoghi di
culto che hanno presentato prove archeologiche di tale per-
sistenza.

Alcune stipi laziali scendono dall'età del ferro sino all'età
romana ; il materiale votivo trovato alle acque Apollinari
cominciò a essere depositato in tempi anteriori alla storia e
coni inuò fino al IV sec. dopo Cr.; la ricordata stipe della grotta
della Pertosa fu incominciata, pare, nell'età del bronzo e ar-
rivò fino ai tempi di Giustiniano, ed il Patroni riconobbe che
il culto a S. Michele Arcangelo continuava quello di Somele e
Dionysos di cui egli trovò un gruppo fittile : a Lilibeo, in Sicilia,
il culto indigeno primitivo fu sostituito da quello greco della
Sibilla, sul quale poi si sovrappose quello di S. Giovanni; pure

E perciò, partendo appunto da questi presupposti,
io ho creduto di non essere fuori dall'argomento pre-
sentando esempi di tutte le età e di tutti i luoghi.
Naturalmente però ho cercato sempre di offrire, come
primi e di maggior valore, gli esempi che cronologi-
camente e topograficamente si trovavano più viciui
alla nostra fonte.

Occorre spesso « far servire la luce de' secoli sus-
seguenti all'oscurità dei secoli antecedenti »

P.ertinoro (Forlì) 1924.

L. M. Ugolini.

in Sicilia il culto ai demoni Paliki di alcuni laghetti di acque
sulfuree presso Pelagonia aveva sostituito quello pregreco,
e vigeva ancora all'epoca del Basso Impero (i ruderi del tempio
rimasero visibili fiuo al sec. XVI) ; in Sardegna poi intrave-
diamo tali persistenze di culto nei nomi di santi dati a luoghi
ove sorgono pozzi sacri di civiltà nuragica; in Iscozia, Estonia,
Finlandia ecc., tali persistenze fino ai giorni nostri, come ho
già detto, sono assai comuni; e altrettanto può affermarsi per
la Francia.

(') A. L. Muratori, Ant. Est. I.
loading ...