Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 29.1923

Page: 669
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1923/0360
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
669

ESPLORAZIONI ARCHEOLOGICHE NELLA LICIA E NELLA PANFILIA

670

Dopo un'altra ora di marcia si raggiunge Zivindà
Tascy, modesta casa di contadini, ma fornita di buona
e copiosa sorgente. Il luogo è giusto ai piedi del Cavagli
Dagli ,che incombe con la sua massa grandiosa. L'ascen-

Dà quanto ho esposto e dall'esame della veduta
panoramica (fig: 12) risulta evidente che il Cavagh Dagli
corrisponde alla vetta che nella carta del Kiepert ha
il nome di Kerner Dagli. Questo deve quindi riferirsi

ià^z;*®.

• _______" , '■liirmrnrrmri,^

%

FTitn,r

ioo :'3 joo ioi roi)

Fin. 3. — Schizzo topografico della città del Cavagh Dagli.

sione deve essere fatta a piedi. Si accede anzitutto ad a tutto il massiccio fra la Goiniik Boghazè e il Kemer

una larga sella fra il massiccio del monte e un picco Ciai, amenochè, come è più probabile, non sia un to-

roccioso isolato che gli sta subito ad occidente, lo Zi- ponimo generico usato dai marinai, mentre Cavagh

vindà Dagh. Seguendo un erto sentiero lungo la pendici Dagh sarebbe il toponimo preciso usati dagli abitanti

occidentali del Cavagh Dagh, dopo circa tre quarti della montagna.

d'ora si raggiunge una stretta sella, di dove, figgendo La località è molto appartata, perchè del tutto fuori

gli occhi fra i rami e le foglie, si può gettare un primo dalle linee naturali di comunicazione: tanto le possi-

sguardo sul pendìo meridionale della montagna, ampia bili vie dall'Aidin Derò all'Alaghyr e quindi alla Cian-

conca dove fra il nereggiare degli abeti biancheggiano dyr Dorè, quanto quelle provenienti dalla Goinuk

al sole grandi distese di rovine (tav. I, 1). Boghazè, se pure ne sono mai esistite, passano tutte
loading ...