Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 29.1923

Page: 701
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1923/0376
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
70!

ESPLORAZIONI ARCHEOLOGICHE NELLA LICIA E NELLA PANFILIA

702

tuito da un unico ambiente di m. 14,10 per 12, prece- resta nulla, e, poiché all'ingiro non Rivedono resti ade-
dui o sul fronte, a un piano più basso, da un altro, largo guati di una possibile soprastruttura, anche questa
solo m. 5,85 (fig. 3,14 ; fìgg. .10 e 11). Si entra nell'ani- volta si deve pensare che il resto dell'edificio fosse in
biente inferiore per una porta praticata presso l'angolo materiale facilmente deperibile e cioè in legno. Certo
sinistro, e di contro ad essa nel piano superiore un'altra in questo materiale doveva essere il tetto, data la sua
porta immette nell'ambiente maggiore. Nessuna trac- notevole vastità.



m

rv-\,

Fig. 10. — Cavagh Dagli: la biblioteca (?), muro di sostegno e parapetto.

eia di scale ; ma, poiché non potevano mancare, si deve
ammettere che fossero di legno. Singolarissima è la
tecnica del muro anteriore dell'ambiente maggiore
(fig. 10). La metà inferiore è costituita in parte dalla
roccia naturale convenientemente spianata, in parte
da una grossolana costruzione, dove a rozzi parallelo-
pipedi, dove a blocchi di varia forma che danno al com-
plesso un aspetto ciclopico. Siili' insieme corre un filare
di grossi blocchi, leggermente sporgenti a mo' di rozza
cornice, la quale costituisce il piano vero e proprio del-
l'ambiente maggiore. Delle mura perimetrali di questo
sussiste soltanto un ordine di enormi blocchi misuranti
da due a tre metri di lato, bene spianati all' interno, leg-
germente convessi all'esterno, così da dar luogo a una
specie di grandioso bugnato. Sopra questo filare non

Nella parte interna del parapetto del piano supe-
riore si scorge la parte inferiore di una serie di nicchie
quadrangolari (fig. 11), che non possono aver servito
per collocarvi delle statue, perchè troppo larghe e poco
profonde, ma piuttosto quasi di armadio a muro per
riporvi degli oggetti minuti. Il confronto che viene
subito alla mente è quello con le biblioteche elleni-
stiche (*) ; ma l'idea di una biblioteca è conciliabile
con la tecnica della costruzione ? Forse che sì, perchè,
se a prima giunta sembrano accentuati più che in ogni

(l) Pergamo : Altertumer von Pergamon, II (R. Bonn), Ber-
lino 1885, pag. 50 e segg. e tav. 33 ; a pag. G7 segg. con-
fronti con altri monumenti. Nysa ad Meandrum: W. von
Diest, iV. ad M. Berlino 1913, pag. 49 seg., fig. 21 e tavv..
VIII-X.
loading ...