Accademia Nazionale dei Lincei <Rom> [Editor]
Monumenti antichi — 29.1923

Page: 781
DOI article: DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/monant1923/0416
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
781

ESPLORAZIONI ARCHEOLOGICHE NELLA LICIA E NELLA PANFILIA

7*2

Anche il muro a nord del santuario, con grandi bloc-
chi di conglomerato sottoposti ad assise regolari di
calcare, per il materiale e per la tecnica, potrebbe van-
tare una antichità notevole, ma andrebbe meglio stu-
diato.

Tolti questi due deboli indizi, tutto appare elleni-
stico : così gli avanzi di edifici che coprono la città,
come gli avanzi di sepolcri prima di arrivare aFurun-
giuk. Nè questo deve stupire : dati i terremoti che hanno
continuamente tormentato la regione e che hanno
finito con il distruggere la città, è quasi impossibile che
si siono conservati edifici molto antichi, anche se il
luogo fu abitato in epoca anteriore alla ellenistica.

Piuttosto questo stesso fatto e la mancanza di costru-
zioni che si possano riferire con sicurezza ad epoca
tarda fanno pensare che, dopo i grandi terremoti del
II e I secolo av. Cr., il luogo sia stato abbandonato e
gli abitanti si siano trasferiti sui pianori e sui dossi
di Tocug Inghidely, di Beigik e di Baarsòk, dove effet-
tivamente si trovano ora i ricordi d'epoca romana.

Naturalmente queste conclusioni non escludono,
specialmente per quanto riguarda il santuario, che in
epoca ellenistica si sia rifatto quanto i terremoti ave-
vano distrutto, negli stessi luoghi e secondo i tracciati
originali, in modo da conservare il tipo rituale pri-
mitivo.
loading ...