Nardi, Luigi
Descrizione antiquario-architettonica con rami dell'Arco di Augusto, Ponte di Tiberio e Tempio Malatestiano di Rimino — Rimino, 1813 [Cicognara, 4053]

Seite: 58
DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/nardi1813/0058
Lizenz: Public Domain Mark Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
58
CAPITOLO XIII.

Sopra tre bassi rilievi esistenti nel Tempio Malatestiano s e dei quali
hanno parlato alcuni chiarissimi Letterati.

N.



eli'ultima Cappella da noi descrìtta nell' antecedente capitolo esi-
stono, come dicemmo, diciotto bassi rilievi, rappresentanti in marmo gre-
co altrettante figure di donne ritte in piedi, varie di aspetto, e sim-
boleggianti diverse scienze ed arti delle più nobili.
Due di queste semminili sigure poste nel pilastro a sinistra di chi.
entra nella Cappella, ed un'altra nel pilastro a destra, tutte tre ver-
so terra, hanno delle parole di caratteri ignoti nei lembi dei vestiti
e delle maniche, le quali parole servono loro come di ricamo grazio-
so ( a ).
V è chi suppose essere Costo, chi Arabo antico, o del medio evo,
chi Orientale d'ignoto linguaggio, chi Greco malsormato, e chi cisre,
o rabeschi nulla signisicanti, ma puro ornamento a ricamo. Tutti però
convengono che la prima Figura rappresenta la Rettorica ( Tav. XV),
stando essa in atteggiamento di parlare; la seconda la Musica (Tav.
XVI ), avendone gì? istrumenti in mano . Nella terza alcuni riconob-
bero la Geometria, altri la Gramatica ( Tav. XVII ) ; ma non saprei
dire a qual fondamento appoggiati. La spiegazione delle cifre ha in-
dotto ragionevolmente i citati due Letterati a cred*"-** *a "°esia. 11
simboleggiarla poi nell'atto, come pare, <*' istillare i primi rudimenti
ad un sanciullo „ ad altro non allude, dice 1'Ab. Amati, che all'o-
„ pinione, assai celebre tra i dotti, d'essere stata la Poesia la prima
„ scienza, il primo sviluppo dell' ingegno umano, e quel linguaggio
„ patetico, con cui ne' selici climi orientali (dove tutto naturalmente
„ è immaginazione e sensibilità) s'insegnavano da principio le cose di-
,-, vine ed umane. Questa è quella Poesia didattica3 o istruttiva, che
„ su usuaticima e sacrosanta anche tra i Greci più vetusti, sotto il
„ nome di Musica, ben disserente dalla Musica istrumentale3 sebbe-
„ ne per lo più ad essa congiunta ".
Il rinomatissimo Francese Barthelemy nel suo viaggio in Italia, pas-
sando per Rimino, andò a bella posta ad ammirare la stupenda architet-
tura esterna del Tempio Malatestiano, ed ivi colie sue mani impresse in

( a ) Vedami i Rami XV , XVI, e XVII.
loading ...