Palladio, Andrea
I Qvattro Libri Dell'Architettvra: Ne' quali, dopo vn breue trattato de' cinque ordini, [e] di quelli auertimenti, che sono piu necessarij nel fabricare ; Si Tratta Delle Case Private, delle Vie, dei Ponti, delle Piazze, dei Xisti, et de' Tempij — Venedig, 1581

Seite: B_052
DOI Seite: Zitierlink: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/palladio1581/0120
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
5i

LIBRO

LA SEGVENTE fabrica è appresso la porta di Montagnàna'Castello de! Padoaho>e fu ti[ jV^i
ficata dal Magnifico Signor Francesco Pisano:ilquale pattato à miglior vita non la ha potuta finirt. WB>^
Le stanze maggiori sono lunghe vn quadro e tre quarti :i uolti sono à schiffo, alti secondo il secon. tft^1
do modo dell'altezze de' voltile mediocri sono quadre, &inuolratcàcadino:I camerini.c l'aridi '111*111'1
to sono di vguale larghezza,i uolti loro sono alti due quadri:La entrata ha quattro colonne.il c|Ujn
to più sattili di quelle di fuoridequali sostentano il pauimento della Sala è fanno l'ai tezza del voi !js»''' '
to bella,e secura.Nei quattro nicchi,che ui (ì veggono sono flati scolpiti i quattro tempi dell'ani^ \i
da Messer Alessandro Vittoria Scultore eccellente,il primo ordine delle colonne è Dorico, ilsc. ^cuss
condo Ionico.Lestazedisoprasono in solarojL'altezza della Sala ghigne fin sotto il tetto. Haquc "
sta fabrica due strade da i fianchi,doue sono due porte>sopra lequali ut sono anditi,che conducono
in cucina^ luoghi per seruitori.


LA FABRICA
loading ...