Universitätsbibliothek HeidelbergUniversitätsbibliothek Heidelberg
Metadaten

Pernier, Luigi
Il palazzo Minoico di Festòs: scavi e studi della missione archeologica italiana a Creta dal 1900 al 1950 (Band 1): Gli strati più antichi e il primo palazzo — [Rom], 1935

DOI Page / Citation link: 
https://doi.org/10.11588/diglit.8056#0156
Overview
loading ...
Facsimile
0.5
1 cm
facsimile
Scroll
OCR fulltext
CAPITOLO IV

materiali trovati nello strato minoico-primitivo
0 ad esso riferibili: idoletti; vasellame fittile

Marmo delle isole. - i. (Fig. jj). Idoletto di forma umana, molto
primitivo, erratico fra la terra di scarico. Altezza m. 0,038; larghezza
massima m. 0,026. La testa è indicata con semplice apice conico;
braccia e gambe mancano, ma appariscono il monte di Venere, il
sesso, la divisione delle natiche.

Sebbene sporadico, non resta del tutto isolato a Festòs
perchè si conoscono altri esemplari dallo stesso territorio e da
Cnossòs. I9) Cronologicamente forma gruppo con un idoletto si-
mile di Mòchloszo) e con quelli trovati da St. Xanthudidis nella
Messarà, specialmente a Kumàsa,2I) ove, in una tomba a tholos
figurine marmoree erano associate con vasi in pietra, con vasetti
fittili a teiera, con pugnali triangolari di rame, sigilli in avorio,
tutti materiali caratteristici del periodo minoico-primitivo. Somiglia

pure a idoli marmorei della
Troade22> e delle Cicladi2')
e credo anzi che, importato
da queste, confermi le primi-
tive relazioni, già indicate dal
deposito di H. Onùphrios,
fra il territorio festio e le
Cicladi.

Steatite turchina. - 2. (Fig. jó).
Sigillo in forma di figurina
fig. 55 - idoletto in marmo (i : i) muliebre, mummiforme nella

' 132 <
 
Annotationen