Schlosser, Julius von ; Rossi, Filippo [Transl.]
La letteratura artistica — Florenz, 1964

Page: 151
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/schlosser1964/0165
License: Free access  - all rights reserved Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
III.

LE TESI STORICHE DEL PRIMO RINASCIMENTO.
SGUARDO GENERALE

Il tema dì questo capitolo è trattato pili ampiamente e sotto un determi
nato punto di vista nei miei Prolegomeni al Ghiberti, « Jahrbuch der k. k.
Zentralkommission », Vienna 1910, pp. 5, 19 e 23 sg. Sul giudizio artistico
del primo Rinascimento, Lionello Venturi nell'a Arte », XX (1917) 305 sg., le cui
conclusioni non sempre possono essere accettate incondizionatamente.

Che il primo Rinascimento abbia avuto tendenze storiche parti-
colarmente accentuate non si può veramente affermare; parecchi dei
suoi grandi, L. B. Alberti al suo inizio (nonostante la breve digres-
sione storica nel VI libro della sua opera sull'architettura) e Leo-
nardo alla fine, serbano un contegno generalmente indifferente, se non
negativo, verso tali tendenze. I tempi sono ancora troppo presi dalla
gioia giovanile della creazione per aver agio e desiderio di riflettere
sul passato ; si lavora con tutte le forze a gettare il fondamento teo-
retico, e perciò questo è il lato sempre molto più evidente nelle loro
considerazioni.

Dal Trecento esso ha preso la base per le sue costruzioni storiche
quali le troviamo, notevolissime, nel Ghiberti e nella biografia bru-
nelleschiana del Manetti. Il concetto di determinare una periodicità
dello sviluppo artistico è cresciuto su terreno umanistico, e fu anzi-
tutto un concetto di origine letteraria, e non derivato dalla cognizione
dell'opera d'arte. Esso appare per la prima volta nella celebre no-
vella del Boccaccio su Giotto e messer Forese (Decamerone, VI, 5).
Il Boccaccio lettore di Dante ha preso a suo modo dalla Commedia
il concetto del « dolce stil novo » e lo ha per primo applicato all'arte
figurativa. Il precedente periodo « greco » dell'arte italiana, in cui
l'arte era unicamente una delizia degli occhi per i profani, viene
sostituito dallo stil nuovo di Giotto, il grande suscitatore della vera
loading ...