Serradifalco, Domenico LoFaso Pietrasanta di
Le antichità della Sicilia (Band 5): Antichità di Catana — Palermo, 1842

Page: 57
DOI Page: Citation link: 
https://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/serradifalco1842bd5/0060
License: Public Domain Mark Use / Order
0.5
1 cm
facsimile
PARTE SETTIMA

STORIA DI SOLUNTO.

D

al lato della Sicilia che al settentrione risguarda, a dodici miglia
da Panormo ed altrettante da Terme Imerese, sorge un monte con
voce moresca addimandato Jalfano o Catalfano, sul cui giogo veg-
gonsi ancora gli avanzi di una distrutta città, che gli antichi e mo-
derni corografi, per l'autorità di Tolomeo, di Plinio e degli Itine-
rari romani , riconoscono con unanime consentimento per 1' antica
Solunto (i); in ciò altresì confermandoci il nome di Sòlanto sem-
pre rimasto fino a' dì nostri alla vicina spiaggia.

Questa città, che i Greci appellaron SoaotS ed i Romani Solus
Soluntum, trae origine da' secoli più remoti, sì che i suoi principi,
siccome delle antichissime città veggiamo quasi sempre avvenire, tro-
vami avvolti ne' misteri della favola. Stefano Bizantino, giovandosi
dell'autorità di Ecateo , lasciò scritto che Ercole, trascorrendo la
Sicilia, uccise sovra un monte vicino Panormo un famoso ladrone ap-
pellato Solunto, e che da costui ebbesi nome la città di che favel-
Antichità della Sic. Voi. V. i5
loading ...